Caterina Balivo, la dura confessione sulla malattia: “Ho capito sulla pelle di mio figlio…”

Il figlio di Caterina Balivo ha vissuto sulla propria pelle una difficile malattia e la conduttrice ha deciso di combatterla.

Caterina Balivo è una conduttrice televisiva di Napoli classe 1980. Nel 1999 arriva terza a Miss Italia ed esordisce come valletta in Scommettiamo che..? continuando la sua collaborazione con la Rai come inviata de I Raccomandati e di Miss Italia. Finalmente arriva alla conduzione nel 2003 con Unomattina Estate Weekend e poi, per due anni, con Unomattina.

Dal 2005 al 2017 è al timone di Telethon fino ad arrivare ad allietare i pomeriggi dei telespettatori con Detto Fatto. Nel 2021 è tra i giudici de Il cantante mascherato. Per quanto riguarda la sua vita privata, dal 2014 è sposata con Guido Maria Brera che l’ha resa madre di Guido Alberto (2012) e di Cora (2017).

Caterina Balivo rivela la malattia del figlio

Tosse cronica da inquinamento. È questo il disturbo di cui ha sofferto Guido Alberto, il figlio maggiore di Caterina Balivo. Il bambino, fin dalla più tenera età, era scosso da una tosse continua e persistente ed ha combattuto a lungo con lo smog, un nemico invisibile che si aggira indisturbato per l’aria e che può provocare problemi ai nostri polmoni, senza che ce ne rendiamo subito conto.

La Balivo ha deciso di fare qualcosa proprio perché “Ho capito sulla pelle di mio figlio quanto l’aria che respiriamo ogni giorno sia nociva”. Ovviamente non hanno capito subito che lo smog era il responsabile, ma dopo diverse visite ed esami un medico ha dato loro il verdetto.

La cura? Una terapia continua con l’aerosol e respirare aria pulita quando è possibile. In questo modo il disturbo sarebbe diminuito fino a scomparire del tutto. Per questo motivo, la Balivo ed il marito hanno preso la decisione di passare ogni weekend lontani dalla grande città per far respirare aria buona al loro bambino.

Caterina Balivo e la fondazione dell’Onlus Cittadini per l’aria

“Ma perché chi non può permetterselo deve essere destinato a respirare questa aria assassina?”, era questa una delle domande che Caterina Balivo si poneva di continuo. Così ha deciso di fondare la onlus Cittadini per l’aria.

L’obiettivo principale della sua onlus è quello di difendere il diritto di respirare aria pulita, sempre più difficile soprattutto nelle grandi città. Qui si aiutano i cittadini ad individuare le aree con la migliore aria da respirare, si dà il buon esempio, si partecipa attivamente e si informa la gente, sperando di poter risolvere al più presto questo problema.