Spedizione nel Great Blu Hole, quello che è stato scoperto è incredibile

Il Great Blue Hole è un’enorme dolina sottomarina che si trova al largo della costa del Belize. I subacquei e gli amanti dello snorkeling navigano nelle acque superficiali da decenni, ma pochissimi esploratori hanno osato andare più in profondità. Ecco l’incredibile scoperta dell’equipaggio che si è avventurato nel suo fondo. 

Quello del Belize è il secondo blue hole più grande, dopo quello del Dragon Hole, che si trova nel mare cinese meridionale.

Questa dolina sottomarina si estende per 125 metri nella crosta terrestre. Il sito Teach Inside ha pubblicato un video e spiega cosa è stato scoperto nella spedizione guidata dal figlio di Jacques Coustaeu.

Blu Hole
Blu Hole (foto web)

Nell’inverno del 2018, un equipaggio di Aquatica Submarines ha iniziato la sua discesa sul fondo del Blue Hole. La loro missione era creare una mappa 3D dell’interno della dolina, ma lungo la strada si sono imbattuti in alcune scoperte straordinarie.

All’inizio, l’equipaggio ha trovato ciò che si aspettava: squali di barriera, tartarughe e coralli giganti. Ma quando hanno superato i 90 metri, la vita ha iniziato a svanire. “Sotto non c’è ossigeno, non c’è vita, e laggiù abbiamo trovato conchiglie e conchiglie e paguri che erano caduti nella buca e soffocati“, ha spiegato Erika Bergman della spedizione.

Il colpevole era uno spesso strato di idrogeno solforato tossico che copriva la larghezza dell’intera dolina come una coperta galleggiante. Verso il fondo della buca, a circa 120 metri di profondità, il team ha trovato qualcosa che non si aspettava: piccole stalattiti. La sorpresa ha fornito agli scienziati indizi sull’antico passato del buco.

Le stalattiti possono formarsi solo perché l’acqua gocciola dalla pietra. E quindi sappiamo che questa era una grande caverna asciutta, ed è stato durante un’era davvero prolifica sulla Terra, quindi probabilmente c’erano molte cose che vivevano in essa.

Gli scienziati ritengono che la grotta si sia formata durante l’ultima era glaciale, terminata circa 14.000 anni fa. Fu allora che il livello del mare iniziò a salire e la grotta si allagò e crollò, lasciandosi alle spalle il Blue Hole che vediamo oggi.

fondale blu hole
fondale blu hole (foto web)

Mentre gli scienziati proseguivano nel buco, hanno trovato un altro indizio del passato: un leggero accumulo di limo in cima al cimitero delle conchiglie. Il limo stesso sul fondo è una registrazione abbastanza buona di tutti i diversi uragani, cicli di tempesta e glaciazioni che si sono verificati, quindi possiamo vedere che proprio nel periodo del crollo Maya, c’erano enormi, enormi cicli di tempesta seguiti da molto siccità significative.

Mentre il team continuava a esplorare il fondo del buco, hanno trovato una bottiglia di Coca-Cola da 2 litri e una GoPro smarrita contenente alcune foto delle vacanze. Ma non era tutto. Sono state trovate anche due delle persone che si sono perse nel Blue Hole,  ma in accordo con le autorità del Belize, tutti deciso di non recuperare i corpi ma lasciarli riposare in pace.

Gli scienziati prevedono che questo buco non si potrà esplorare per sempre. Ogni giorno vi cadono cascate di sabbia, riempiendolo lentamente come una clessidra subacquea. I ricercatori pensano che altre doline marine, come Dragon Hole nel Mar Cinese Meridionale e Dean’s Blue Hole alle Bahamas, si siano probabilmente formate allo stesso modo.