I misteri della Luna, le macchie scure sulla superficie sono segnali di pericolo anche per la Terra, ecco che succede

Era il 20 luglio del 1969 quando il primo uomo ha messo piede sulla Luna. Tutti lo ricordiamo come uno degli eventi che ha segnato la storia dell’umanità, la famosa Missione Apollo 11. Ecco cosa sono le macchie scure che la caratterizzano, e i pericoli che rappresentano anche per il pianeta Terra. 

La Luna è il corpo celeste più vicino alla Terra, e dista da noi 384.400 km. Tra le due, si trovano in fila tutti gli altri pianeti del nostro sistema solare.

La Luna in larghezza è grande un quarto della Terra, e se misurata da parte a parte, il suo diametro equivale a quello degli Stati Uniti d’America o dell’Europa.

Luna guarda la Terra
Luna guarda la Terra

La Luna, ogni notte la guardiamo, la ammiriamo per la sua strana e semplice bellezza. Ha sempre un qualcosa di magico, la Luna. Eppure, benché sia una presenza stabile, intorno ad essa ruotano ancora dei misteri.

Anzitutto, e nonostante le diverse missioni lunari, la scienza ancora non ha messo un punto fermo su come si sia formata ed evoluta. Ce lo spiega l’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che ha provato a ricostruire la vera storia geologica della Luna.

E’ molto difficile capire come si sia formata esattamente la luna, ma gli scienziati hanno raccolto alcuni suggerimenti, grazie ai meteoriti lunari e al ritorno di alcuni campioni. Tra le diverse teorie, attualmente la spiegazione più popolare è della cosiddetta teoria dell’impatto gigante, risalente alla prima età del nostro sistema solare.

Si ipotizza che un giorno, circa 4.5 miliardi di anni fa, qualcosa di grande come Marte si schiantò sulla Terra. A seguito di questa collisione, questi elementi iniziarono ad orbitare intorno alla terra e alla fine si unirono formando la nostra Luna, in un processo chiamato accrescimento.

Inizialmente la Luna era una palla di roccia fusa, il magma, ma con il raffreddamento si è formato un nucleo solido fatto di lega di ferro; in seguito altri minerali hanno iniziato a cristallizzarsi e ad affondare sul fondo, formando uno strato chiamato mantello.

A causa dell’elevata temperature e pressione, i minerali in questo strato in realtà non sono ancora allo stato solido; alcuni materiali più leggeri, galleggiando in superficie, si sono raffreddati e quindi solidificati per ultimi, formando la crosta lunare – la parte esterna di colore chiaro, come la vediamo noi oggi. Ma cosa sono le macchie scure sulla superficie lunare?

Asteroidi Luna
Asteroidi Luna (foto web)

Sono i risultati di impatti di cosiddetti intrusi, gli asteroidi. Essi quando si schiantano in direzione della Terra, vengono rallentati dall’atmosfera che la circonda, che li trasforma in stelle cadenti o meteoriti; la maggior parte di loro se abbastanza piccoli, per nostra fortuna, si brucia. Ma come sappiamo, gli asteroidi rappresentano sempre un pericolo sul quale si continua a monitorare.
Diverso l’impatto che hanno queste collisioni sulla crosta lunare, poiché a causa dell’assenza di atmosfera, risultano molto più violente. La regolite è la roccia polverosa generata principalmente a seguito di questo impatto.