Quello che è successo al corpo di questo astronauta è qualcosa di incredibile, ecco cosa gli è accaduto durante la missione spaziale

Nel momento in cui gli astronauti della Missione Minerva, con a capo Samantha Cristoforetti, si trovano sulla Stazione Spaziale Internazionale per effettuare dei nuovi studi per l’umanità, l’ultima scoperta uscita dalla passata missione lascia davvero senza parole. Vediamo cosa è successo a questi astronauti.

Le missioni nello spazio sono un modo per lavorare in questo laboratorio a 4mila chilometri dalla Terra, e studiare dei fenomeni che aiutano l’avanzamento dell’umanità.

Tra i risultati tornati sulla terra, dopo le missioni, ce n’è uno davvero incredibile, che nessuno poteva aspettarsi.

Kelly Astronauta
Kelly Astronauta (foto web)

Lo studio è stato pubblicato da “Scientific American” l’11 aprile 2019, e tradotto e riportato dalla rivista Le Scienze.

Parliamo degli studi usciti dalla missione della Nasa tra il 2015 e il 2016, quando in orbita era presente l’astronauta Scott Kelly, per un periodo di 342 giorni a bordo della Stazione spaziale internazionale. Per tutto il tempo, è stato monitorato anche il fratello gemello Mark (un astronauta in pensione rimasto sulla Terra).

Gli scienziati della NASA hanno rilevato in Scott Kelly una serie di cambiamenti fisiologici, la maggior parte dei quali è tornata allo stato precedente al volo dopo il suo ritorno sulla Terra. I risultati potrebbero aiutare a definire meglio i preparativi per future missioni a lungo termine, come viaggi su Marte o permanenze su una stazione spaziale in orbita lunare.

Lo studio sulla coppia di gemelli è arrivata dopo l’idea lanciata dallo stesso astronauta. Per quasi due anni entrambi i fratelli hanno fornito campioni di urina, feci e sangue, che i ricercatori hanno usato per dieci distinte indagini sugli effetti molecolari, fisiologici e cognitivi dei voli spaziali a lungo termine.

Gemelli Kelly
Gemelli Kelly (foto web)

Kelly ha dovuto prelevare il proprio sangue e raccogliere le proprie urine e feci. “Certo nello spazio è più complicato fare pipì in un contenitore, perché tutto galleggia“, ha dichiarato l’astronauta. Lo studio ha scoperto che durante il volo Kelly era quasi costantemente in uno stato di stress fisiologico.

Tra i cambiamenti più rilevanti riscontrati c’è l’allungamento delle estremità di alcuni cromosomi – i telomeri, legati alla longevità -, cambiamenti nell’espressione del DNA, la dilatazione della carotide e tendenza del sangue ad accumularsi nella testa. Gli è stata anche riscontrata la “sindrome neuro-oculare associata al volo spaziale“, o SANS, una condizione che comporta cambiamenti agli occhi.

Dopo che Kelly è tornato sulla Terra, la maggior parte dei cambiamenti fisiologici, dell’espressione genica e di altro tipo sono tornati alla normalità nel giro di sei mesi circa. Resta da capire se queste trasformazioni siano legate all’assenza di gravità o a variazioni naturali.