L’esperimento è incredibile, ecco cosa è successo in fondo a uno dei laghi più importanti d’Italia

L’Italia è un paese di laghi bellissimi, soprattutto nella zona del nord della penisola. ll paesaggio dei laghi non è solo bello da godere, ma è anche spesso luogo di importanti esperimenti. Quello che si è ripetuto in questi giorni, è davvero incredibile ed unico. 

Parliamo del lago più importante d’Italia, il lago di Garda, famoso per le sue bellezza paesaggistiche e per essere meta di vacanzieri tutto l’anno.

In questi giorni nel lago si ripete un esperimento straordinario, che è entrato nel cuore degli abitanti del Garda.

Cantina Riva
Cantina Riva (foto web)

Nel 2020, un progetto ambizioso che ha visto uniti i Vigili del Fuoco Volontari di Riva del Garda, Gruppo Sommozzatori Riva del Garda e Cantina di Riva, ha dato vita ad un esperimento che oggi si ripete per il terzo anno con grande successo e curiosità.

Per il terzo anno un evento incredibile amato da tutta la comunità

La mattina di sabato 27 giugno abbiamo realizzato un progetto che abbiamo sognato per anni, immergendo nelle acque del Lago di Garda 1216 bottiglie di quello che diventerà il nostro Brezza Riva Riserva Blanc de Blancs Bio, spumante Trentodoc prodotto con metodo classico“, ha ricordato l’Agraria Riva del Garda.

Ebbene sì, il lago accoglie negli abissi delle sue acque un’eccellenza del territorio che arriverà sulle tavole di tantissime persone. Le bottiglie sono state collocate in 4 gabbie, dove hanno riposato per 12 mesi.

Oggi, per il terzo anno consecutivo, la Cantina di Riva ripete l’esperimento chiamato “Brezza Riserva”, per studiare l’evoluzione e per migliorare la qualità dei vini italiani. Le bottiglie del 2022, come spiega il Gambero Rosso, andranno sul fondale del Benaco e faranno compagnia alle due annate precedenti.

Le condizioni di maturazione sono particolari: una temperatura costante tra i 9 e i 13 gradi, assenza di luce e rumore, remuage naturale garantito dall’alternanza delle correnti lacustri, isolamento totale dall’ossigeno per una maturazione più lenta, minore differenza di pressione tra l’interno delle bottiglie e l’ambiente esterno, con conseguente scambio gassoso ridotto al minimo.

L’evento è un appuntamento atteso da tutta la comunità di Riva, ed anche per il 2022, a Porto San Nicolò, è stato curato da Vigili del fuoco e Sommozzatori di Riva del Garda. I partecipanti di quest’anno potranno degustare le due annate estratte dal fondo del lago dopo 12 e 24 mesi di affinamento.