Svelato il segreto dei nuotatori più veloci, la risposta della scienza è incredibile

Allenamento, passione e forza fisica: chi pratica il nuoto come tutti gli altri sport deve fare i conti con queste caratteristiche. Ma ci potrebbe essere un segreto con basi scientifiche che porta i nuotatori ad essere più veloci? La risposta vi sorprenderà e riguarda un’azione quotidiana che moltissimi compiono. 

I nuotatori e le nuotatrici, come tutti gli sportivi ma forse anche di più, sfoggiano un corpo sapientemente scolpito dai duri allenamenti e dai movimenti che la disciplina impone, rendendoli statuari.

Nuotatore chesuccede 20220622
Foto Canva

I più grandi e veloci atleti del nuoto appaiono spesso bellissimi e molto curati, seppur passino praticamente gran parte del loro tempo a contatto con l’acqua. Ma quando si tratta di gare, soprattutto a livello olimpico, bisogna fare i conti con i minuti ed i secondi, che diventano fondamentali per ottenere primati e medaglie. Sicuramente alla base dei risultati ottenuti dai più grandi, c’è uno stile di vita completamente dedicato alla loro disciplina, oltre che durissimi allenamenti quotidiani.

Ci potrebbe essere però, anche una componente fondamentale a cui fino ad ora non avevate pensato. Si tratta di un aspetto che, per noi “comuni mortali” non atleti, è puramente un fattore estetico. Stiamo parlando della depilazione, sempre più diffusa in egual misura sia tra uomini che tra donne. Ma quali fondamenti ci sono?

Migliori prestazioni nel nuoto grazie alla depilazione? Ecco la verità

Abbiamo sicuramente tutti notato anche solo guardando qualche gara delle Olimpiadi in tv, che i corpi dei nuotatori sono sempre lisci e perfettamente depilati. Potrebbe essere una scelta non solo estetica ma anche studiata?

La prima ipotesi che può venire alla mente di chiunque è che l’assenza di peluria possa aiutare a ridurre l’attrito dell’acqua che scorre sul corpo, ma vediamo se c’è un fondamento.

Nuotatori depilazione
Nuotatori depilazione

Il nuoto si basa sulle leggi dell’idrodinamica, come spiega la Dott.ssa Soledad Echegoyen in un articolo di Yahoo Usa. Secondo diversi fattori quali la densità, la posizione che assume il corpo in acqua e la forma stessa della persona, il soggetto scivola sull’acqua vincendone la resistenza. Si può dire dunque che, a rigor di logica, l’attrito andrebbe a ridursi in assenza di peli.

La realtà è che non ci sono ancora abbastanza studi scientifici sufficienti a dimostrarlo. Alcuni test condotti a partire dagli anni ’80 sui nuotatori professionisti hanno dimostrato però, che probabilmente la depilazione non è essenziale nel donare velocità agli atleti ma favorisce una diminuzione dello sforzo e quindi anche una maggiore sensibilità del corpo.