Il primo concerto dei Beatles in Italia non fu come ci si aspettava, ecco cosa è successo

I Beatles sono stati senza dubbio uno dei gruppi più importanti della storia della musica mondiale. Il quartetto di Liverpool nasce nel 1960, e la loro carriera è durata 10 anni. Il 24 giugno è stato l’anniversario del loro primo concerto in Italia, ecco come andò inaspettatamente l’evento. 

E’ la band forse più famosa della storia, il cui mito ancora resiste dopo anni dal loro scioglimento. I Beatles erano formati da John Lennon, Paul McCartney, George Harrison e Ringo Starr, quest’ultimo a partire dal 1962, chiamato a sostituire Pete Best; della prima formazione faceva parte anche Stuart Sutcliffe.

Beatles ultimo concerto
Beatles ultimo concerto (Fonte web)

Il gruppo ha venduto in totale nel mondo oltre un miliardo di copie fra album, singoli e musicassette, e realizzato 23 album. I loro 186 brani registrati sono stati scritti per la maggior parte dal duo Lennon-McCartney. Il nome della band viene dall’ex bassista Stuart Sutcliffe, che suggerì il nome “Beatals” a John Lennon, e quest’ultimo lo modificò a sua volta per richiamare il termine “beat” (battito o ritmo); il nome che venne fuori fu proprio Beatles, che diventerà il nome definitivo della band.

Il primo concerto in Italia, ecco cosa è successo a Milano

Era il 24 giugno 1965 quando i Beatles si sono esibiti per la prima volta in Italia. Il gruppo di Liverpool in quel momento aveva già pubblicato 4 album e 9  45 giri, ed era già famosissimo. I concerti in realtà furono 2, e si tennero a Milano, al Velodromo Vigorelli, nella stessa giornata. Il primo concerto nel pomeriggio si tenne davanti a 7 mila persone e l’altro la sera con 19 mila paganti (la capienza del Vigorelli al tempo era di 22 mila posti a sedere prato escluso).

I Beatles a Milano. Milano 24 giugno 1965 - Archivi Farabola
I Beatles a Milano. Milano 24 giugno 1965 (Archivi Farabola)

Come si può leggere dalla storica locandina, ad aprire il concerto fu il nostro Peppino di Capri, che all’epoca era già molto conosciuto in Italia, e per questo fu scelto per introdurre il quartetto di Liverpool. Il giovane artista caprese, che all’epoca aveva 26 anni, si esibì prima dei Beatles in tutte e tre le tappe italiane del tour della band – a Genova il 26 giugno e a Roma il 27 e 28.

Di Capri cantò i suoi pezzi per meno di mezz’ora, e raccontò così l’esperienza “Avevamo la stessa casa di distribuzione discografica in Italia io e Beatles, la Carisch. E mi ricordo che nei loro uffici circolavano i provini dei Beatles e io gli diedi la spinta a pubblicarli. Erano primi in classifica in tutto il mondo tranne che in Italia e la Carisch chiese a me, che ero il loro artista di punta, di chiudere il primo tempo dello show.”

E sull’accoglienza ai Fab Four, l’artista italiano ha raccontato a FQMagazine “Il pubblico era in generale molto educato e non come si vede nei classici filmati dei Beatles con le ragazzine isteriche. Fu una cosa più pacata, le adolescenti urlanti erano solo qua e là”. L’ultima esibizione pubblica del gruppo musicale dei Beatles dal vivo, fu il 30 gennaio 1969 a Londra, con un’esibizione improvvisata sul tetto dell’edificio che ospitava gli uffici della Apple Corps, al numero 3 di Savile Row. L’esibizione fu interrotta più volte dalla polizia, e resto anche per questo nella storia.