Strani fatti durante il sonno, ecco cosa è successo a questa star mondiale

Il momento del sonno dovrebbe essere legato al riposo, di corpo e mente. In realtà, come è stato provato, il nostro cervello è continuamente al lavoro. Durante il sonno possono accadere dei fatti strani, alcuni dei quali oramai risaputi. Ma quello che è accaduto a questa star ha segnato davvero la storia. 

Mentre dormiamo le attività vitali continuano a funzionare, cervello compreso, per questo possono comparire alcuni fenomeni che a volte ricordiamo, a volte nemmeno sappiamo che accadono. Nella lista dei più comuni ricordiamo il sonnambulismo, l’eccitazione sessuale, la sensazione di cadere, la paralisi del sonno, le apnee, e il diffuso parlare nel sonno.

Uomo che dorme
Uomo che dorme (Fonte Rawpixel)

A proposito di sonno, parliamo di…rock star musicali! Strano a dirsi, ma capiremo perché. Si tratta di qualcuno che è da poco apparso in Italia con la sua leggendaria band, i Rolling Stones, per l’unica data (sold out ovviamente) dello Stone Sixty Tour. Il 21 giugno allo stadio San Siro di Milano gli Stones hanno dato vita a uno dei concerti più attesi dell’anno, festeggiando 60 anni di carriera strepitosa.

I mitici Mick Jagger, Keith Richards, Ron Wood stanno affrontando il primo tour senza il batterista Charlie Watts, scomparso nel 2021. La band fu fondata da Keith Richards e Mick Jagger nel 1962. Richards è considerato ad oggi tra i primi dieci miglior chitarristi di sempre. Ma c’è un aneddoto che non tutti sanno, legato alla nascita di una delle canzoni più famose della band.

Nelle prime ore del mattino del 7 maggio 1965, un Keith Richards con gli occhi annebbiati si svegliò in un motel, prese un registratore e registrò un riff, addormentandosi di nuovo poco dopo. Nella sua biografia, il chitarrista racconta “Quella sera mi trovavo con delle ragazze nel mio appartamento a Carlton Hill, a St. John’s Wood, il che forse spiega il mood della canzone…Ho composto Satisfaction durante il sonno. Non avevo idea di averla composta, bisogna solo ringraziare Dio che avessi con me il registratore di cassette Philips.

Keith Richards Satisfaction (chesuccede)
Keith Richards Satisfaction (chesuccede)

Il miracolo è accaduto la mattina successiva, quando ho guardato il registratore e mi sono ricordato che la sera prima ci avevo inserito un nastro nuovo. Così mi sono accorto che era finito”. Nel nastro c’erano i primi 30 secondi dello storico brano “Satisfaction”. Jagger lo ascoltò,e Richards racconta “Ha sentito solo l’inizio e subito ha costruito il riff in versione acustica, sembrava una melodia country più che qualcosa di rock. In realtà, a Mick non è piaciuta subito, pensava si trattasse di uno scherzo. Non credeva che fosse del materiale adatto a un brano e a quel punto tutti noi gli abbiamo detto ‘Sei fuori di testa’. E in effetti lo era”.

Jagger a Richards ci lavorarono sopra, e dopo pochi giorni la mitica “(I Can’t Get No) Satisfaction” era pronta “Io ho scritto la melodia e lui il testo ma il riff è soprattutto mio. Sono io il maestro nei riff”, ha spiegato Keith Richards. Il brano fu pubblicato nel maggio del 1965, ed è rimasta in vetta alle classifiche USA per quattordici settimane, mentre nel 2011 si è aggiudicato il secondo posto nella classifica delle 500 Migliori canzoni di tutti i tempi stilata dal magazine Rolling Stone.