Che succede se ti cancellano il volo, ecco cosa fare

Dal 1903 l’aereo è il mezzo più sicuro e veloce per raggiungere qualsiasi meta in ogni angolo della Terra. E proprio per questo gli scioperi delle varie compagnie aeree, sono uno dei principali problemi che affliggono le persone che amano viaggiare.

Lo sciopero è un’astensione collettiva dal lavoro da parte dei dipendenti, con la finalità di ottenere un miglioramento delle condizioni lavorative rispetto a quelle pianificate dal contratto collettivo nazionale di lavoro. Ma cosa accade e cosa bisogna fare quando lo sciopero riguarda le compagnie aeree?

Scioperi aerei(11/07/2022)
Scioperi aerei (fonte web)

Ecco cosa sono le circostanze eccezionali

La Corte di Giustizia Europea, nel 2018, ha stabilito che non tutti gli scioperi possono essere considerati circostanze eccezionali. La “circostanza eccezionale” era una pratica che esonerava le compagnie dal pagamento dell’indennizzo ai passeggeri in caso di ritardo o annullamento del volo. 

La Corte ci spiega inoltre come il relativo evento non deve essere inerente al normale esercizio dell’attività della compagnia aerea e deve sfuggire al suo controllo per essere dichiarato come circostanza eccezionale. Le compagnie aeree, quindi, possono normalmente trovarsi ad affrontare divergenze o conflitti con i membri del loro personale ed i relativi rischi devono essere considerati inerenti al normale esercizio dell’attività della compagnia aerea interessata.

Voli aerei (11/07/2022)
Voli aerei (fonte web)

Ecco come fare se il tuo volo è stato cancellato

Se sei uno di questi sfortunati passeggeri, la procedura è abbastanza semplice. Potrai richiedere il rimborso del biglietto (da effettuarsi entro 7 giorni) oppure un volo alternativo, direttamente sul sito della compagnia aerea. Inoltre occorre inviare direttamente alla compagnia una lettera per la richiesta di indennizzo per cancellazione voli cosicchè avrai diritto ad un ulteriore indennizzo monetario, che varia in base alla data della partenza e alla tratta. La compagnia aerea però, può ridurre l’ammontare dell’indennizzo del 50% se la riprotezione su un volo alternativo non comporta un ritardo all’arrivo di più di 2 ore rispetto all’orario del volo originariamente prenotato.

Le compagnie aeree europee hanno cancellato negli ultimi giorni quasi 41mila voli del periodo estivo per la carenza di personale nel settore. EasyJet è stata la prima compagnia aerea low cost ad annunciare un taglio del 13% dei propri voli, a causa della mancanza di personale e della riduzione dei voli nei principali aeroporti europei.