Rischio conflitto nello spazio, ecco cosa potrebbe succedere

Fin dalla seconda guerra mondiale, Cina e Stati Uniti sono considerate due superpotenze sia sotto l’aspetto politico sia su quello militare. Insieme alla Russia, le due potenze mondiali hanno influito vigorosamente sugli aspetti economici-sociali degli ultimi 50 anni.

Adesso però il rischio di un conflitto nello spazio potrebbe essere imminente. Andiamo a vedere cosa potrebbe accadere e se esistono dei vincoli per non allontanarsi dalla Terra.

Satellite nello spazio(chesuccede15/07/2022)
Satellite nello spazio (fonte web)

La politica cinese di Xi Jinping

Dal 2007 al 2019, i tassi di crescita cinesi si sono dimezzati, la produttività è diminuita di oltre il 10% e il debito complessivo è aumentato di otto volte. Poi è arrivata la pandemia che ha ulteriormente rallentato la crescita e fatto precipitare le finanze di Pechino. Inoltre, dal 2020 al 2035 la Cina perderà 70 milioni di adulti in età lavorativa e si ritroverà con 130 milioni di anziani in più.

I dati di questa vertiginosa caduta fanno impressione, ripensando soprattutto ai periodi cinesi più longevi degli anni ’90. Ma la politica di Xi Jinping rimane sempre la stessa, ossia quella di espandersi il più possibile anche attraverso metodi violenti.

Il popolo cinese non permetterà mai ad alcuna forza straniera di bullizzarci, chiunque tenterà di farlo, si romperà la testa sulla Grande Muraglia d’acciaio costruita con il sangue e la carne di 1,4 miliardi di cinesi“. Queste sono state le dichiarazioni di un anno fa, del presidente cinese Xi Jinping.

Nasa sulla Luna(chesuccede15/07/2022)
Nasa sulla Luna (fonte web)

Il timore della NASA

L’amministratore della Nasa Bill Nelson ha denunciato le mire spaziali della Cina, dichiarandone l’intenzione di distruggere i satelliti degli altri paesi per prendere il controllo della Luna. Da Pechino è arrivata una smentita, ma la corsa allo spazio con gli Stati Uniti è destinata a intensificarsi nei prossimi mesi.

Negli ultimi dieci anni la Cina ha intensificato notevolmente il suo programma spaziale ed è diventata, alla fine del 2020, il secondo paese a sbarcare sul suolo lunare. Per questo motivo, la Nasa starebbe pensando di riportare i loro astronauti sulla Luna dall’ultima missione del 1972, stanziando 93 miliardi di dollari per le prossime missioni spaziali. Nel frattempo i cinesi contano di completare la costruzione della loro stazione lunare entro il 2035.

Sul piano legale, un’eventuale colonizzazione del satellite sarebbe impedita da un Trattato sullo spazio extra-atmosferico adottato nel 1967 e firmato da 134 paesi, Cina inclusa e
quindi un conflitto nello spazio resta abbastanza improbabile.