Gli appassionati di questo film cult festeggiano, lo storico ritrovamento atteso da anni, ecco cosa è successo

L’invenzione della pellicola, risalente al 1885 per mano di George Eastman, rivoluzionò completamente la vita cinematografica. Il cinema nacque nel 1895 a Parigi grazie ai fratelli Lumiére, che proiettarono i loro brevissimi film, della durata di un minuto circa, a inquadratura fissa. In Italia, il cinema più antico è la sala Sivori di Genova, nata nel 1896 con la proiezione del film “L’arrivo di un treno alla stazione di La Ciotat”.

Alcuni film rimarranno per sempre nella memoria di ognuno di noi. Ma questo storico ritrovamento, ha fatto festeggiare tutti gli appassionati di cinema, ed in particolare di questo amatissimo film.

I Goonies(chesuccede16/07/2022)
I Goonies (fonte web)

Parliamo de “I Goonies”, il celebre film d’avventura di Richard Donner uscito nel 1985, con la sceneggiatura di Chris Columbus ricavata dal soggetto di Steven Spielberg, che fu anche il produttore della pellicola. Il film è stato girato ad Astoria, nell’Oregon, ed ha incassato 124 milioni di dollari in tutto il mondo. Inoltre, si è collocato fra i dieci film con più incasso del 1985 in America, con ben 64 milioni di dollari all’attivo.

Proprio nelle acque dell’Oregon, dove è stato girato il film, è riapparso il famoso vascello che ispirò “I Goonies”. Si tratta di un galeone spagnolo del XVII secolo, che svanì nell’Oceano Pacifico nel 1693 assieme al suo carico. Questa nave venne soprannominata il vascello “Inferno”, e costruita ispirandosi alla Santo Cristo de Burgos.

La Santa Cristo de Burgos fu ribattezzata successivamente Beeswax Wreck, cioè “relitto della cera d’api”. Nel film era la nave del pirata Willy l’Orbo.

Santa Cristo de Burgos (chesuccede16/07/2022)
Santa Cristo de Burgos (fonte web)

In quegli anni furono due le navi scomparse tra Manila e Acapulco: il Santo Cristo de Burgos, svanito nel 1693, o il San Francisco Xavier, scomparso nel 1705. Il secondo è stato poi scartato poiché i resti provenivano da una zona sedimentata dopo uno tsunami che ebbe luogo nel 1700.

A rendere possibile l’identificazione di quel che rimane del vascello che ha ispirato “I Goonies” è stato proprio un fan della pellicola, il 49enne Craig Andes, un pescatore, che per primo disse che le sedici travi di legno conficcate in una grotta a Nehalem Bay fossero appartenenti a un relitto. Le travi sono state recuperate richiedendo un grande sforzo, poiché pesavano 136 chili. Adesso verranno esaminate e magari, un giorno, saranno esposte in un museo dove i fan dei “Goonies” potranno ammirarle.