Statua della Libertà, è in Italia il segreto che nessuno conosce, ecco dove si trova

Parliamo della statua che da 135 anni si trova al centro della baia di Manhattan e che rappresenta il simbolo del sogno americano: la Statua della Libertà. Miss Liberty è il simbolo di New York, e uno dei monumenti più conosciuti e visitati al mondo. 

Visitata da circa 4,5 milioni di turisti ogni anno, la Statua della Libertà fu donata agli Stati Uniti da parte dei Francesi e inaugurata nel 1886 e si trova su un piedistallo in una piccola isola nell’Upper New York Bay, che ha preso il nome di Liberty Island.

Statua della Libertà (Fonte Rawpixel)
Statua della Libertà (Fonte Rawpixel)

Nel 1986, in onore del centenario, la statua ha subito un importante restauro. E’ alta 93 metri, incluso il basamento, e per raggiungere la corona bisogna salire 354 gradini, ed è visibile fino a 40 chilometri di distanza. L’opera è nata dall’idea dello storico francese Edouard de Laboulaye di donare agli Stati Uniti una statua per suggellare il rapporto tra i due stati. L’incarico di realizzarla fu dato allo scultore Frederic Auguste Bartholdi, noto per le sculture di grandi dimensioni.

Bartholdi intitolò l’opera “Statua della Libertà che illumina il mondo“, e raffigurava la dea Ragione che indossa una lunga toga e sorregge con la mano destra una fiaccola (simbolo del fuoco eterno della libertà), e con la sinistra una tavoletta su cui era inciso “4 luglio 1776”, la data della Dichiarazione di Indipendenza. Ai piedi vi sono delle catene spezzate (simbolo della liberazione dal potere del sovrano dispotico) e in testa vi è una corona, le cui sette punte rappresentano i sette mari e i sette continenti.

Statua del Sancarlone Arona (Fonte web)
Statua del Sancarlone Arona (Fonte web)

Ma non tutti sanno che la statua americana è legata a doppia mandata all’Italia, perché Bartholdi per realizzarla si ispirò ad una statua che si trova proprio nel nostro paese: il Sancarlone, il colosso dedicato all’arcivescovo di Milano San Carlo Borromeo, che si trova ad Arona, e domina il Lago Maggiore.

Il Sancarlone per due secoli è stato il monumento più alto al mondo tra le statue visitabili all’interno, ed il primato cadde proprio nel 1886, quando fu eretta la Statua della Libertà. Infatti lo scultore francesce Frédéric-Auguste Bartholdi, incaricato di realizzare la statua americana, nel 1869 soggiornò ad Arona per studiare il Sancarlone e la sua struttura interna – studi da utilizzare per il progetto della Statua della Libertà.

Il progetto iniziale della statua newyorkese prevedeva, come quella piemontese, una parte portante costituita di mattoni a cui sarebbe stato ancorato un rivestimento, le lamine che compongono il monumento vero e proprio. Il progetto però fu abbandonato per la morte di Eugène Viollet-le-Du, al quale Bartholdi aveva affidato l’incarico di  connettere la parte strutturale al rivestimento.

Sancarlone interno (Fonte web)
Sancarlone interno (Fonte web)

Fu così che il lavoro fu affidato a Gustave Eiffel, il padre della famosa Tour Eiffel di Parigi,  che abbandonò l’idea di una struttura in muratura, e realizzò un reticolo composto da colonne e travi di acciaio.

Il legame tra la Statua della Libertà e il Sancarlone è comunque ricordato proprio ai piedi del monumento newyorkese, dove una targa ricorda come la statua sia stata costruita su modello della statua italiana, alla quale tolse il primato di colosso più alto al mondo.