Friggitrice ad aria, ecco che succede se la usi, i risultati sono incredibili

In cucina gli elettrodomestici sono indispensabili, e ne escono in continuazioni di nuovi al fine di aiutare la preparazione dei nostri piatti. Ultimamente si sta diffondendo l’utilizzo della friggitrice ad aria, un’alternativa a quella classica, che sta riscuotendo interesse e successo. Vediamo che succede ai cibi quando la usiamo. 

La friggitrice ad aria è un elettrodomestico da cucina ti permette di friggere il cibo con poco o nessun olio ed esiste dal 2010. Ma l’idea di cucinare il cibo con aria calda risale al 1600. La friggitrice moderna è stata inventata da Philip Morris, la stessa azienda che produce le sigarette.

Friggitrice ad aria (chesuccede.it)
Friggitrice ad aria (chesuccede.it)

Diciamolo pure: i cibi fritti piacciono a moltissime persone. Gli esperti di nutrizione consigliano sempre di limitarne l’utilizzo, ma è stato anche riconosciuto che una volta a settimana mangiare dei cibi fritti non crea danni particolari alla salute (chiaramente in assenza di particolari patologie).

Per evitare però i danni della frittura, e magari concedercela qualche volta in più, nel mercato ha preso piede la friggitrice ad aria, o airfryer. Utilizzarla aiuta non solo a mangiare più leggero, ma evita i fastidiosi odori di fritto che invadono casa quando cuciniamo in questa modalità.

La friggitrice ad aria funziona come una sorta di forno ventilato, in cui si possono cuocere moltissimi alimenti, dalla carne, al pesce, ed ovviamente cibi impanati. Ha una camera di cottura con un cestello in cui si posizionano i cibi che verranno cotti tramite un getto di aria caldissima (usata al posto dell’olio) che raggiunge i 200 gradi.

Importante è sempre preriscaldare l’elettrodomestico prima di utilizzarlo, e si consiglia di ungere il cestello con una minima quantità di olio – solo per evitare che i cibi si attacchino. Il risultato sono cibi gustosi, croccanti fuori come fritti, ma senz’altro più salutari.