Odore di sudore dalle magliette, ecco cosa fare per eliminarlo

Oggi parliamo di un problema veramente fastidioso, e che affligge milioni di persone, soprattutto in estate. Si tratta del sudore e dei cattivi odori che emana. Questo problema rappresenta un motivo di imbarazzo per chi ne soffre, che sia casuale o cronico. Il primo pensiero è come togliere il cattivo odore di sudore dai vestiti, in particolare dalle magliette. Vediamo i consigli degli esperti. 

L’odore di sudore sui vestiti può essere davvero fastidioso, soprattutto persistente. Purtroppo, infatti, non è raro sentirlo ancora sulle magliette già lavate, o peggio ancora veder comparire i bruttissimi aloni all’altezza delle ascelle.

Sudore su indumenti (Fonte web)
Sudore su indumenti (Fonte web)

Siamo nel bel mezzo di una delle estati più calde degli ultimi anni, con un tasso di umidità e temperature veramente a livelli insopportabili. La prima reazione è ovviamente quella di sudare, ora più che mai. Ma il sudore non arriva solo per il caldo, ma anche dopo un’attività sportiva o comunque faticosa, o addirittura per motivi legati allo stress.

Qualunque sia la motivazione per cui sudiamo, il bruttissimo effetto collaterale col quale combattiamo è il cattivo odore che emana la nostra pelle. Il sudore si va subito ad attaccare ai tessuti dei nostri vestiti, impregnandoli e addirittura lasciando degli antiestetici aloni. Come togliere allora il sudore dai nostri indumenti? Ci siamo rivolti ad un esperto d’eccezione, l’azienda produttrice di elettrodomestici Candy.

Il primo consiglio da seguire è quello di non aspettare ma di intervenire subito sui vestiti, per evitare che il sudore entri nei tessuti. Per farlo, gli esperti consigliano un prelavaggio lasciando asciugare il sudore sul tessuto e spruzzando poi uno sgrassatore non aggressivo sulle zone interessate, immergendo poi il capo in una bacinella d’acqua (fredda se i capi sono particolarmente delicati) con detersivo concentrato per mezz’ora.

Una volta eseguito il prelavaggio, il capo deve comunque fare il suo normale lavaggio vero e proprio in lavatrice, facendo sempre attenzione a seguire le indicazioni sull’etichetta dell’indumento. Alla fine del ciclo è importante togliere subito i capi dalla lavatrice, e non lasciarli dentro per evitare che aumenti il cattivo odore e il proliferarsi dei batteri.

Se il cattivo odore persiste, si può aggiungere un additivo ad un secondo lavaggio.