Il pomeriggio al parco giochi si trasforma in tragedia: a 2 anni muore davanti al papà

Dopo aver trascorso un pomeriggio al parco giochi con il papà, la vicenda di un bimbo di 2 anni finisce in tragedia.

Un bimbo, per cause ancora da stabilire, ha avuto un malore ed è morto alla giovanissima età di 2 anni davanti agli occhi del suo papà disperato.

Bimbo morto al parco giochi
Fonte web

Nicolò Feltrin, nome del piccolo bimbo, aveva trascorso tutto il pomeriggio in un parco giochi del comune nelle montagne bellunesi, chiamato Sydney.

Quella che per i bambini di tutto il mondo, così come per i loro genitori, è solitamente occasione di gioia e divertimento è divenuto per questa famiglia un vero e proprio momento di dolore.

Ma come è stato possibile? Stiamo per scoprilo insieme. Continuate a leggere qua sotto.

La dinamica e le cause della tragica vicenda

Nicolò è morto pochi giorni fa all’ospedale di Pieve di Cadore, accompagnato dal padre in codice rosso. Il bimbo, arrivato in ospedale, respirava già malissimo ed il suo cuore batteva lentamente.

Nicolò vittima di 2 anni
Fonte web

Secondo quanto riportato dal padre, mentre il bimbo stava giocando al parco giochi, avrebbe ingerito un qualcosa raccolto da terra. L’uomo ha cercato di rimuovere dalla bocca l’oggetto non identificato ma, dato che il piccolo sembrava star bene, non ci ha dato peso ed ha portato il figlioletto a casa.

Nicolò, durante il pomeriggio, ha iniziato a star male ed i due genitori, preoccupati dalla situazione, lo hanno immediatamente portato all’ospedale di Pieve di Cadore, dove però non c’è stato niente da fare per il piccolo neonato.

Il primo report medico lascia presupporre che il bimbo abbia ingerito qualche sostanza tossica. Per questo i carabinieri, data la gravità della situazione, hanno perlustrato l’abitazione in cui la famiglia vive, per individuare l’eventuale presenza di sostanze pericolose che ne abbiamo potuto determinare il malore.

Nei prossimi giorni verrà effettuata, all’obitorio dell’ospedale San Martino di Belluno, l’autopsia sul corpo del bimbo per capire definitivamente le cause del decesso. L’ipotesi più plausibile è che Nicolò abbia ingerito dei pesticidi, poiché basta davvero una piccola dose di tali sostanze per provocar reazioni tossiche incontrollabili, arrivando alla morte.

Per dare l’addio al bimbo, bisognerà aspettare il nulla osta da parte della Procura della Repubblica di Belluno, poiché il pm Simone Marcon ha aperto un fascicolo sulla vicenda, per ora senza indagati. Intanto, il sindaco di Longarone ha espresso il dolore del paese e si è stretto intorno ai due genitori e alla famiglia di Nicolò.