Ti svegli sempre a quest’ora della notte? Sbrigati a fare le analisi del sangue

Dormire non è facile, per chi si sveglia durante la notte. Ma se ti svegli sempre alla stessa ora, meglio fare le analisi del sangue.

Secondo i dati dell’Associazione Italiana per la Medicina del Sonno (AIMS), nel nostro Paese circa 1 adulto su 4 soffre di insonnia cronica o transitoria.

Svegliarsi di notte
Svegliarsi di notte (Fonte Canva)

Sono circa 12 i milioni di italiani che soffrono di disturbi del sonno. Sono le donne a essere maggiormente colpite, circa il 60% del totale. Il 20% dei casi riguarda invece bambini e ragazzi.

Se ti svegli sempre a quest’ora, potrebbe essere la glicemia

La pandemia, secondo i ricercatori, ha addirittura raddoppiato il numero di persone che hanno difficoltà ad addormentarsi. Tra le problematiche più frequenti ci sono: la difficoltà di addormentamento, i risvegli durante la notte e quelli precoci la mattina, la difficoltà di riprendere sonno. Ma il fatto di svegliarsi spesso, può nascondere anche delle patologie. Vediamo quale nello specifico.

Analisi del sangue
Analisi del sangue (Fonte Canva)

Avete mai sentito parlare di effetto Somogyi e fenomeno dell’alba? Sono due fenomeni strettamente collegati con il diabete. Forse non tutti sanno che la maggior parte delle persone che soffrono di diabete, tende a svegliarsi ogni notte più o meno intorno alle 3 del mattino. Ciò accade perché c’è un cambiamento nei livelli di zuccheri nel sangue.

Nel fenomeno dell’alba, l’aumento del livello di zucchero nel sangue accade proprio in quel momento di inizio giornata. Succede perché il corpo, che utilizza il glucosio necessario per affrontare la giornata, si trova ad utilizzare quello immagazzinato dal corpo, mentre il fegato rilascia glucosio extra nel sangue a causa dell’ormone della crescita, del cortisolo e delle catecolamine.

L’effetto Somogyi è anche conosciuto come iperglicemia di rimbalzo, e si manifesta quando il livello di zucchero nel sangue scende troppo durante la notte, e il corpo rilasciando ormoni, porta il fegato a rilasciare a sua volta il glucosio immagazzinato per equilibrare. L’effetto Somogyi porta all’ipoglicemia e all’iperglicemia, e si può manifestare anche in altri momenti della giornata, quando gli zuccheri sono alti nel sangue.

Quello dunque che bisogna fare, è sempre rivolgersi al proprio medico, e andare a fondo tramite alcuni esami specifici. Controllare i livelli di zucchero prima di andare a dormire e dopo il risveglio, è qualcosa che si può fare subito. Le analisi del sangue necessarie, saranno certamente indicate dal medico di fiducia, ed eventualmente si dovrà passare ad un medico specializzato diabetologo. Ad ogni modo, mai sottovalutare i campanelli d’allarme, soprattutto se si ripetono nel tempo.