Paga 1.300 euro di caparra ma il mediatore scompare: era una truffa

Una ragazza paga 1.300 euro di caparra ma il mediatore scompare nel vuoto. 

La truffa ha coinvolta una giovane ragazza di 27 anni, alla ricerca disperata di un appartamento in affitto.

Mediatore truffa ragazza per un appartamento
Fonte Canva

Solamente dopo aver trovato l’immobile ed aver pagato l’ingente somma di 1.300 euro per la caparra, ha scoperto di essere stata letteralmente truffata.

La giovane paga 1.300 euro ma è una truffa

La ragazza era alla ricerca di un appartamento in affitto per svolgere il servizio civile a Bologna. Infatti, Valentina si è traferita a Bologna anni fa per l’università ed aveva deciso di rimanere nella città romagnola.

Ragazza cerca casa a Bologna
Fonte Canva

A luglio, la giovane aveva trovato un ottimo annuncio sulla pagina Facebook “Cerco casa in affitto a Bologna” ed ha così contattato l’inserzionista.

Il 26 luglio sono andata a vedere questo appartamento in via di Corticella, molto funzionale. Ho subito deciso che, per prezzo e dimensione, andasse bene. E così, due giorni dopo, ci sono tornata, portando la caparra richiesta, di 1.300 euro“. Queste soni le parole di Valentina a Il Resto del Carlino.

Il mediatore accetta di farla entrare nell’appartamento il 10 agosto e così si accordano per la consegna delle chiavi per i primi dello stesso mese.

Peccato che poi, quando ho iniziato a chiamare per sapere qualcosa, lui era scomparso. Si era volatilizzato assieme ai miei soldi e alla speranza di avere una casa“, continua la giovane truffata.

Arrivata in Questura, c’erano altri tre ragazzi presenti per lo stesso motivo di Valentina. Infatti, quando la ragazza ha detto alla polizia il nome del mediatore, nessuno si è stupito.

Lo conoscevano, mi hanno detto che è uno noto nel settore delle truffe. Ho anche saputo che questa persona, qualora venga a sapere che una vittima dei suoi raggiri è intenzionata a fare denuncia, propone di restituire maggiorati i soldi della caparra ottenuti con l’inganno. A me non interessa. È un delinquente e per colpa sua tante persone sono in difficoltà, anche perché a Bologna la situazione è disperata: le case in affitto a prezzi umani sono rare come mosche bianche“, conclude Valentina.

Il reato di truffa, in Italia, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni e con la multa da 51 euro a 1.032 euro. Inoltre, la truffa aggravata è considerata molto più pericolosa rispetto alla fattispecie normale del reato e, proprio per questo motivo, la pena prevede da 1 anno a 5 anni di reclusione e una multa da 309 a 1549 euro.