Arisa, confessione a luci rosse: “A 11 anni me lo feci fare da un compagno di classe”

La famosa cantante Arisa ha dichiarato di averlo fatto fare da un compagno di classe all’età di 11 anni. 

Arisa ha svelato una confessione a luci rosse ed ha generato uno shock per i suoi fan e per tutte le persone appassionate di musica.

Arisa confessione a luci rosse
Fonte web

La cantante italiana, infatti, ha confessato alcuni retroscena inediti con un compagno di classe all’età di 11 anni.

La confessione a luci rosse di Arisa

Arisa ha svelato per la prima volta alcuni retroscena sulla sua vita privata: dai gesti di ribellione fatti quando era bambina, al suo amore per la musica. La cantante è cresciuta con la famiglia a Pignola, in Basilicata, in una casa sulla collina immersa nel verde accanto a quella dei suoi nonni.

Arisa svela rapporto con i genitori
Fonte web

Arisa, una delle voci più famose d’Italia, ha confessato per la prima volta alcuni intrighi della sua vita in campagna, tra atti di ribellione e discussioni con i suoi genitori.

Il mio corpo è cresciuto di colpo. Lo sviluppo a nove anni: le forme, il seno, l’altezza. I miei genitori non mi facevano uscire di casa. Erano terrorizzati, mi vedevano come qualcosa di incontrollabile. Anche perché io ero esuberante, molto aperta. Avevano paura che qualcuno potesse farmi del male, che si potesse approfittare di questa mia predisposizione al “vale tutto”, che tra l’altro ancora ho. Mi hanno protetta molto, ma il loro amore mi toglieva le cose che, a quell’età, era normale facessi. Ancora adesso per certi aspetti sono infantile, non sono una navigata”. Queste sono le dichiarazioni della cantante sul rapporto con i genitori.

A 11 anni, infatti, si sarebbe fatta fare un succhiotto da un compagno di classe poco più grande di lei, ed il suo gesto avrebbe mandato su tutte le furie i suoi genitori.

Mio padre mi ha visto il collo, uno shock: “Rosalba, cos’hai fatto?”. La prima sigaretta invece a nove anni. Ho subito voluto dirglielo per fargli capire che non ero quella che lui pensava. Nel mentre mia madre girava per la casa urlando: “Stai zitta, stai zitta!”. Da noi si litigava tutti i giorni a causa mia”, continua Arisa.

Nel 2009 ha conquistato il successo partecipando al Festival di Sanremo ed oggi la cantante ha dichiarato di dare tutto alla sua voce, che le ha consentito di fare ciò che voleva.

La amo, profondamente. Le devo tutto. È il mio essere più profondo, la mia anima che si apre. Anche se le faccio del male: ogni tanto fumo qualche sigaretta. Ho imparato a cantare da sola, mai preso lezioni. Solo qualcuna dopo il successo, per paura di perdere la voce. Per tanto tempo è stata la solitudine che mi ha insegnato a sentire il mio corpo e a calibrare da dentro tutto quello che mi serve”, ha infine affermato.