Le mille luci natalizie di New York, ecco i posti che in pochi conoscono

New York è una delle città più belle al mondo, ed ogni Natale questo bellissimo luogo si colora con tantissime luci natalizie.

La storia dell’albero e delle luci natalizie a New York nacque nel dicembre del 1931, quando alcuni operai decisero di mettere da parte qualcosa per comprare un piccolo albero di 6 metri da mettere al centro della piazza ed ornare con ghirlande fatte a mano e piccoli addobbi artigianali.

New York
I luoghi per osservare luci natalizie meno conosciuti di New York

L’albero divenne un rito annuale ed il simbolo mondiale del Natale. Oggi andremo a presentarvi alcuni posti meno conosciuti nella città di New York dove poter ammirare tantissime luci natalizie.

Ecco alcuni luoghi addobbati di luci a New York

Iniziamo con l’albero del Rockefeller Center: questo meraviglioso abete di 90 anni (quanti la tradizione del Rockefeller Center) è stato trasportato da Queensbury, nello stato di New York, fin nella piazza ed eretto con i suoi 25 metri di altezza e 14 tonnellate di peso. Il diametro dei rami è di 15 metri e ci sono volute 50mila luci colorate per illuminarlo.

Rockeffeler Center
Albero sulla piazza a New York

Passando un poco più a sud, nel cuore del Village, troviamo l’albero incorniciato dal Washington Square Arch. L’abete è alto 14 metri e la sua comparsa nella piazza risale al 1924, quando fu decorato e illuminato ed infine piantato nel parco. Da allora si cantano le Christmas Carols in piazza, quest’anno domenica 24 dicembre alle 5 del pomeriggio il Rob Susman Quartet eseguirà una selezione di canzoni di Natale.

Successivamente scoviamo Gramercy Park: è uno dei pochi parchi privati della città, ci si entra solo con la chiave e di chiavi ce ne sono solo 380, preziosissime, passate da un proprietario di casa sulla piazza all’altro. Ma la sera di Natale il giardino viene aperto al pubblico e tutti possono godere dell’albero e delle luci.

Non solo alberi di Natale

Lo spettacolo più stupefacente di tutti però sono le vetrine dei grandi magazzini. Sono rimasti in pochi a sostenere la spesa e l’impresa di inventare scene fantasmagoriche per la meraviglia di piccoli e grandi nei loro spazi esterni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Macy’s (@macys)

Saks è il grande magazzino creato a inizio secolo da Horace Saks e quest’anno ha superato se stesso. Ha chiuso al traffico la Fifth Avenue nel tratto fra 49th e 50th street per l’accensione delle 600mila luci sulla facciata del palazzo neoclassico, sincronizzate con la musica di Elton John. Infatti, proprio la star inglese, ha inaugurato lo spettacolo, suonando e cantando in mezzo alla strada su un magnifico pianoforte a coda trasportato lì per l’occasione. Lo show di luci durerà fino al 4 gennaio 2023.

Il cerbiatto blu sulla facciata di Macy’s ha debuttato lo scorso anno ed è stato riproposto insieme alle vetrine a tema che quest’anno vedono scoiattoli apparire da alberi di Natale e Orsi polari riscaldati da maglioni colorati.

Le vetrine di Bergdorf Goodman sono il risultato del lavoro di un centinaio di persone che per un anno studiano il tema, i disegni, i materiali. Quest’anno il motivo è “la magia del fare” e appaia arti e artigianati a stilisti famosi.

Hudson Yards, infine, è una relativa novità nel panorama delle luci del Natale a New York. Sono state impiegate più di 2 milioni di luci per realizzare lo “Shine On”, ossia una istallazione che unisce la musica allo straordinario spettacolo di luminarie.

(fonte LavocediNewYork)