L’atleta più pagato al mondo non è un calciatore, ecco chi è

Grazie ai vari sponsor, al giorno d’oggi molti atleti nell’ambito sportivo vengono pagati profumatamente. Ma qual’è il campione più pagato al mondo?

Diversamente da come si potrebbe pensare, lo sportivo più pagato al mondo non ha a che fare con il mondo del calcio. Infatti, anche campioni del calibro di Lionel Messi e Cristiano Ronaldo, guadagnano di meno di questo atleta.

Atleta più pagato al mondo
Ecco chi è lo sportivo più pagato al mondo

I magnati arabi del petrolio hanno deciso di investire enormi quantità di denaro nel mondo sportivo e non solo nel calcio, ma anche in altri sport. Oggi andremo a vedere chi è l’atleta più pagato al mondo.

Ecco chi è lo sportivo più pagato del Pianeta

Grazie alla grande disponibilità di petrodollari dell’Arabia Saudita, da giugno il LIV Golf ha incrementato i guadagni dei primi dieci golfisti di circa 370 milioni di dollari, portando il loro incasso complessivo alla cifra record di 650 milioni di dollari negli ultimi 12 mesi e togliendo anche il primato degli atleti più pagati del 2022 alla stella del Psg Lionel Messi.

Phil Mickelson golf
Phil Mickelson è l’atleta più pagato al mondo

L’atleta più pagato al mondo è Phil Mickelson. Con sei major e 45 vittorie nel PGA Tour, è il secondo golfista più famoso della sua generazione ed è stato uno dei primi a sostenere il nuovo tour finanziato dai petroldollari. A febbraio, è stato criticato (e si è preso una pausa) dopo che sembrava aver ignorato il tema dei diritti umani in cambio di un’opportunitàunica nella vita di rimodellare il modo in cui opera il PGA Tour“.

Diversi sponsor lo hanno abbandonato ma la LIV ha garantito a Mickelson una cifra stimata in 200 milioni di dollari, di cui probabilmente la metà in anticipo. In totale, il 52enne ha incassato 138 milioni di dollari nell’ultimo anno, diventando così l’atleta più pagato al mondo nel 2022, superando la superstar del calcio Lionel Messi (130 milioni di dollari).

Cos’è il LIV

Il tour indipendente LIV Golf, di proprietà del fondo sovrano dell’Arabia Saudita che gestisce 620 miliardi di dollari, ha delle caratteristiche che lo rendono particolare. È più veloce del PGA Tour, con un formato di 54 buche (“LIV” in numeri romani) giocate in tre giorni. È più rumoroso, con musica a tutto volume prima del tee-off. È meno frequente, con un sesto degli eventi. Ma soprattutto è più ricco. Il LIV Golf è una questione di soldi.

Il governo dell’Arabia Saudita per far decollare il campionato sta investendo circa 2,4 miliardi di dollari nella LIV per le prossime due stagioni, di cui una buona parte per attirare i migliori talenti.

Volevo far parte di qualcosa che partisse da zero. Le risorse, il tempo, il riposo e il fattore divertimento sono stati i motivi per cui ho potuto e voluto fare questo salto“. Queste sono state le parole di Bryson DeChambeau, vincitore degli U.S. Open nel 2020 a 27 anni e si è unito alla LIV a giugno.