Il freddo arriva in un luogo impensabile, le immagini lasciano a bocca aperta

Il freddo è arrivato in maniera totalmente inaspettata ed addirittura è riuscito a raggiungere un luogo impensabile.

Il freddo è una sensazione comune che molte persone sperimentano durante i mesi invernali o in situazioni in cui la temperatura ambiente è bassa. Può essere causato da una perdita di calore del corpo, un’esposizione prolungata a fonti di freddo o un’abbassamento della temperatura interna del corpo.

Freddo polare
Il freddo arriva in un luogo davvero impensabile

Quest’anno, il clima di freddo è arrivato fino ad un luogo davvero impensabile e le immagini hanno lasciato a bocca aperta milioni di persone.

Ecco fino a dove è arrivato il freddo

L’ondata di freddo polare di cui stiamo parlando riguarda l’India e in particolare la capitale New Delhi. Gli abitanti della città, infatti, stanno facendo i conti con un freddo pungente che sta causando non pochi disagi.

Neve Sahara
La neve è arrivata fino nel Sahara

In particolare, in questo periodo le temperature registrate sono tra le più basse mai registrate negli ultimi cinque anni, con 2,8 gradi centigradi raggiunti. Si tratta peraltro di un fenomeno particolarmente sorprendente dal momento che New Delhi è situata in pianura. Qui difatti gli esperti stanno registrando temperature più basse di quelle collinari o site in montagna.

L’irruzione fredda di origine polare arrivata nel Mediterraneo è riuscita a penetrare a latitudini ancor più basse, addirittura sin verso il cuore dell’Africa settentrionale. Le correnti fredde hanno invaso il deserto del Sahara algerino, addentrandosi in diverse centinaia di chilometri nell’entroterra.

Con l’arrivo del freddo sono arrivate anche le nevicate in Algeria, in particolare sui settori sud-occidentali. La neve è caduta nel deserto del Sahara e nella provincia di Bechar da dove arrivano immagini davvero suggestive. Diversi centimetri di accumulo anche nella regione di Beni Ounif, al confine col Marocco, a latitudini vicine ai 900 metri.

Il freddo colpisce anche l’America e in Asia

Il freddo polare non ha risparmiato neppure l’America Settentrionale finendo per congelare in maniera parziale anche le cascate del Niagara.  Si tratta di una meta amata da turisti di tutto il mondo e che a causa delle temperature basse in questi giorni si è mostrata in maniera davvero insolita.

Molte persone invece sono morte in Afganistan per via delle temperature basse. Ad aggravare la situazione c’è anche il fatto che gli aiuti umanitari sono fortemente limitati a causa del divieto imposto dal regime dei talebani alle Ong. In ogni caso, l’Ocha, Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, ha fatto sapere che si interverrà in soccorso di più di 500 mila persone offrendo coperte, ripari e riscaldamento.

Impostazioni privacy