CULTURA

Published on Ottobre 22nd, 2013 | by Roberto Fazio

Leggere nel futuro: E-book o libro tradizionale?

E’ uno degli interrogativi più diffusi tra gli amanti della lettura. Vincerà anche questa volta la tecnologia e, dunque, riuscirà l’e-reader a soppiantare il tanto amato libro cartaceo?

L’argomento in questione è diventato una vera “patata bollente” e sul web, nei bar e in qualunque luogo si discuta del futuro dell’editoria, si scatena una vera e propria guerra. Due gruppi contrapposti: gli amanti della tecnologia con lo sguardo sempre rivolto al futuro e i nostalgici del classicismo, troppo affezionati al tatto da copertina, alla concretezza del materiale librario, all’odore della carta da romanzo, insomma i “romantici della lettura”.

Ma, se fra il dire e il fare c’è di mezzo il mare, fra l’e-reader e il libro c’è di mezzo…il buon senso. In quello che sembra essere un conflitto senza troppe sfumature, esiste una via di mezzo, un compromesso che, se esercitato in seguito ad una banale quanto attenta valutazione, risolve ogni problematica e garantisce la massima soddisfazione. La strada giusta allora è quella della “compresenza”. Qualcosa di simile accadde e accade ancora oggi nel complesso ambito dell’informazione: qualche anno fa i più ottimisti pronostici davano per spacciata la carta stampata entro il primo decennio del nuovo millennio, causa la sempre più acuta diffusione della connessione internet, la controinformazione garantita dal web, l’abbattimento dei costi e la facilità di ampia penetrazione sul territorio.

Eppure oggi, sebbene la carta stampata certamente non navighi nell’oro, non è scomparsa affatto. Ha vinto anche qui la soluzione del compromesso, una convivenza che riesce a gestire due contenitori diversi come il web e la carta stampata. Il primo diventa allora utile per l’aggiornamento costante e in tempo reale, il secondo costituisce lo spazio dell’approfondimento. Ma il sempre più ampio riferimento al mondo telematico rischia comunque di ritardare soltanto di qualche decennio la scomparsa definitiva del quotidiano nella sua veste classica.

Loading...

Probabilmente il caso di cui invece ci stiamo occupando non implica così tante variabili ed è di più facile risoluzione. Le ultime stime fatte registrare da Panorama, che in una sua inchiesta ha raccolto i dati di vendita provenienti da diverse case editrici leader nel nostro paese, fanno registrare un epocale sorpasso da parte dei libri elettronici su quelli cartacei. Dati che comunque non segnano la morte di questi ultimi, in quanto, al di la di ogni legittima analisi di mercato e di ogni catastrofica previsione, una cosa è certa: di rinunciare alla speciale sensazione di tenere un libro in mano, sfogliarlo e stringerlo al petto una volta finito, non se ne parla.

Ma nonostante l’affezione al tradizionale fascino del supporto fisico, un occhio di riguardo lo merita anche la tecnologia dell’e-book che qualche vantaggio lo dispensa: quanti di noi ad esempio, in viaggio, vorrebbero portare con se alcuni titoli che hanno cambiato la nostra vita? E in quanti lo possono veramente fare, per mere ragioni logistiche? In questo senso l’e-book rappresenta un’ottima soluzione di comodo: un archivio di enorme capacità , un’immensa libreria a portata di mano, per avere con se qualsiasi contenuto, in un piccolo dispositivo. Certo, vederci in treno con un libro in mano e magari un foulard al collo non deve fare lo stesso effetto dell’e-reader, ma a volte è la praticità che conta. I detrattori del dispositivo che rischia di rivoluzionare la lettura sono sconfortati da quella che se da un lato presenta evidenti agevolazioni, dall’altro rischia di de-personalizzare il rapporto che il lettore instaura con il proprio libro.

Come a dire: non solo il contenuto, ma anche la forma. Insomma, una mediazione ci permette di stare al passo con la tecnologia, senza rinunciare al fascino della tradizione.

Tags: , ,


About the Author

Roberto Fazio

Fin da piccolo ho amato questa professione, perché l'informazione è l'arma più potente. Insieme al giornalismo, le mie passioni sono lo sport, la musica e la lettura



Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!