BUSINESS

Published on Gennaio 5th, 2016 | by Gianluca

0

Lavoro, arriva la nuova legge: lo si può fare da casa con lo stesso stipendio

Si chiama “Smart Working” e sembra essere la nuova frontiera del mondo del lavoro. E’ al vaglio del governo un ddl per consentire a uomini e donne di lavorare direttamente da casa (ove la mansione svolta lo renda possibile) a parità di paga mensile. Ecco i 7 punti su cui si basa il DDL: 1) Lo Smart Working è un tipo di lavoro subordinato fuori sede 2) Le ore fuori sede sono meno della metà, se non diversamente pattuito 3) Un accordo scritto tra dipendente e datore di lavoro sancisce la prestazione di Smart Working 4) A parità di mansione, il trattamento economico non deve essere inferiore a quello dei colleghi che lavorano in sede. Lo “smart worker” deve avere inoltre le stesse possibilità di carriera, di formazione, di crescita retributiva, di fruizione dei diritti sindacali. 5) Il datore di lavoro deve fornire gli strumenti tecnologici al dipendente che lavoro fuori ufficio, che può anche usarne di propri. 6) Il datore di lavoro deve garantire la tutela della salute e della sicurezza dello “smart worker”. 7) Sono previsti per le aziende che usano lo Smart Working agevolazioni fiscali e incentivi contributivi. Tra le aziende che hanno già aderito allo smart working ci sono Vodafone e Barilla. In particolare in Vodafone ad oltre 3.000 persone è stato concesso di lavorare da casa un giorno a settimana con strumenti aziendali (pc, smartphone e chiavetta) forniti dalla società.

Tags: , , ,


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!