CULTURA

Published on Novembre 15th, 2013 | by Roberto Fazio

Renzo Piano, lo “Steve Jobs di Noantri” che dona il suo stipendio ai giovani architetti

Sono entrambi uomini di fama mondiale, seppur per motivazioni diverse: uno, Americano, è il simbolo della tecnologia a misura d’uomo, volto (insieme alla mela) di una delle aziende informatiche più importanti al mondo; l’altro, Italiano, è il poeta dell’architettura, con all’attivo alcuni fra i più interessanti e monumentali progetti nella storia della sua disciplina.

Entrambi sono dei visionari, meritevoli di aver in qualche modo cambiato il mondo e stravolto i pertinenti ambiti di riferimento con il proprio talento. Ma soprattutto entrambi hanno dedicato grande attenzione ai giovani, in maniera più o meno concreta: “Siate Folli” gridava Jobs,  “Partite, non per disperazione ma per curiosità, e poi tornate. Andate per capire il mondo e voi stessi”, esortava Piano.

Steve Jobs, ahinoi, è passato a miglior vita, sconfitto dal suo nemico più grande che ha combattuto fino all’ultimo e con grande dignità. Renzo Piano, per nostra fortuna, oltre a proseguire brillantemente la sua famelica carriera adesso è anche senatore a vita.

Loading...

E dall’alto della sua carica, coerente con il suo pensiero compie un gesto di assoluta importanza (seppur simbolica) , un monito che ci auguriamo non cada nel vuoto: come concordato qualche giorno fa con il Presidente Napolitano, il suo stipendio da senatore sarà interamente devoluto ai progetti realizzati da giovani architetti, specie in ottica recupero di scuole e edifici storici di grande valore nel nostro Paese.

“Casualmente” un’idea di chi, sebbene senatore a vita, con la politica non c’entra nulla; una goccia nel mare che altresì assume un valore ideologico davvero importante. Stimoli e fiducia di un uomo che come pochi ha portato alto il nome del nostro Paese, verso il talento e le possibilità dei giovani italiani, categoria che più di tutte paga e pagherà le ripercussioni della mala gestione di una nazione in netto declino. Un segnale forte di chi si pone come guida paterna e ha ancora voglia di credere nel cambiamento e nella competenza, quella che passa attraverso le nuove generazioni, le sole che possono realmente imprimere la svolta e transitare l’Italia verso un futuro diverso.

Tags: , , ,


About the Author

Roberto Fazio

Fin da piccolo ho amato questa professione, perché l'informazione è l'arma più potente. Insieme al giornalismo, le mie passioni sono lo sport, la musica e la lettura



Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!