EUROPA

Published on Dicembre 13th, 2013 | by Annalisa Martinelli

Aria di Natale nella città di Mozart, tra leccornie e artigianato

Nel fantastico scenario naturale, ai piedi della Fortezza Hohen di Salisburgo e intorno al Duomo, è ritornato puntualmente il mercatino di Natale famoso in tutto il mondo. Inaugurato già dal 21 novembre, il Christkindi-Markt (Mercatino natalizio del Bambin Gesù) rimarrà aperto fino al 26 dicembre 2013. Una tradizione che dura da oltre 400 anni. L’evento è iniziato come “Mercatino delle pulci” davanti al Duomo e si è sviluppato nel corso del 17° secolo in uno dei più noti mercatini dell’Avvento in tutta Europa. Nel 1972 l’allora “Mercatino di S. Nicolò” ha assunto il nome di “Mercatino del Bambin Gesù“, trasformando la sua formula in quella attuale, ricca di manifestazioni, dai cori, alla Fanfara tradizionale da torri e campanili, alla travolgente corsa dei Krampus. Quest’anno, inoltre, si svolge in concomitanza di una speciale ricorrenza: i suoi primi 40 anni.

L’atmosfera che si trova è scintillante e accogliente, si esplorano le caratteristiche casette in legno traboccanti di oggetti d’artigianato artistico, decorazioni natalizie, accessori e giocattoli, accompagnati dal sottofondo musicale di tipiche canzoni natalizie.

Loading...

1467288_748174728531084_1244557656_nNon mancano le tappe del gusto. Per rinfrancarsi dal freddo, numerosi i punti di ristoro che propongono vin brulé, punch, lo Jagatee, il tipico tè al rum, cioccolate calde ed un’infinità di prelibatezze salisburghesi. E qui si apre tutto un mondo. I profumi nell’aria si mescolano e raggiungono punte dolci e speziate. Le mille luci fanno da riflettori per le tante leccornie che si affacciano nei chioschi, e questi ultimi sembrano trasformarsi in palcoscenico. I protagonisti della scena sono krapfen spolverati di finissimo zucchero a velo, frutta candita, innumerevoli cuori di panpepato, mandorle tostate e cioccolate di varie forme e spessore. Ma non solo golosità dolci. In Austria non possono mancare di certo salsicce arrostite e zuppe caldissime.

L’antica tradizione di cercare doni da scambiare con le persone care, qui perde la frenesia puramente consumistica e si trasforma in un momento totalizzante. Ci si immerge nell’atmosfera magica, fatta di attimi impalpabili, di luci e canti, e si torna a casa con un po’ di serenità nel cuore.

Tags: ,


About the Author

Annalisa Martinelli

Giornalista pubblicista e viaggiatrice. Appassionata di Oriente e Medioriente, attivista in ambito sociale e per i diritti umani.



Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!