TECH

Published on Settembre 27th, 2019 | by Gianluca

0

Ammirare una balena da vicino: a Milano è possibile grazie alla realtà aumentata

Il mondo degli acquari è davvero enorme: si possono allevare pesci d’acqua fredda, come ad esempio i pesci rossi, resistenti e semplici da gestire, dei pesci tropicali, anch’essi esemplari d’acqua dolce ma con esigenze differenti, e anche pesci marini, adatti soprattutto agli appassionati che possono già vantare un buon livello di esperienza.

Il numero di acquariofili in Italia cresce sempre di più, segno evidente del fatto che quest’hobby è considerato assai piacevole ed appagante e una conferma di ciò è nel fatto che i principali produttori del settore stanno riuscendo a costruire un consistente business nel nostro paese: l’e-commerce PetIngros, ad esempio, dedica un’intera sezione al brand Askoll.

La balena, un animale enorme e ricco di fascino

Per quanto il mondo degli acquari sia variegato e si arricchisca continuamente di nuove frontiere, è evidente che vi sono dei limiti che non possono essere superati: neanche nei grandi acquari aperti al pubblico, strutture piuttosto diffuse nel nostro paese, è ad esempio possibile ammirare da vicino delle balene.

Questi animali sono davvero immensi, eppure osservarli da vicino potrebbe essere un’esperienza assai accattivante: proprio sulla base di questa considerazione a Milano è stato avviato il progetto Digital Whales, che letteralmente significa “balene digitali”.

Digital Whales all’Acquario civico di Milano

Quest’idea nasca da una collaborazione tra diverse realtà, ovvero Comune di Milano, Istituto Tethys, Fondazione Cariplo ed altre ancora, e consentirà di ammirare da vicino, se pur in modo virtuale, delle grandi balene a dimensione naturale attraverso la realtà aumentata.

Loading...

Questa così suggestiva esperienza potrà essere vissuta presso l’Acquario civico di Milano e consentirà di ammirare 6 diversi esemplari, ovvero capodoglio, balenottera comune, stenella striata, globicefalo, megattera e orca.

L’iniziativa ha fatto il suo esordio lo scorso 21 settembre e il pubblico ha potuto ammirare il capodoglio, nei mesi successivi invece saranno protagonisti gli altri esemplari menzionati.

Esperienza non solo visiva, ma anche informativa

Chi farà tappa presso l’Acquario civico di Milano, ad ogni modo, non si limiterà ad ammirare questi così grandi esemplari in questa modalità tecnologica così particolare: la logica della realtà aumentata infatti arricchirà la visione con una serie di preziose informazioni di natura biologica, senza affatto trascurare i rischi che queste specie sono oggi costrette a fronteggiare.

Anche animali enormi come questi, infatti, risentono non poco dell’inquinamento delle acque e in particolar modo della plastica: non è affatto raro, purtroppo, che nei corpi di alcuni esemplari defunti siano state trovate grandi quantità di rifiuti.

Quella offerta dall’Acquario civico di Milano vuole dunque essere un’esperienza informativa a 360 gradi altamente digitale, una novità che potrebbe senz’altro essere di ispirazione per strutture analoghe, nonché per musei e realtà differenti.

Iniziativa disponibile fino a settembre 2020

Le grandi balene in realtà aumentata di Digital Whales saranno “presenti” presso l’Acquario civico di Milano fino a settembre 2020; per conoscere nel dettaglio le informazioni su quest’interessante iniziativa, le date e gli orari di apertura, è possibile visitare il sito Internet dedicato baleneamilano.com.


About the Author



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!