AMERICA

Published on gennaio 4th, 2015 | by Gianluca

4

Partorisce in vacanza a New York: Ecco cosa le è accaduto poco dopo!!

Se qualcuno pensa ancora che i figli non costano molto, provasse a chiedere alla coppia formata da Katie Amos (30) e Lee Johnston (29). I due avevano deciso di fare un viaggio a New York per le vacanze natalizie sebbene Katie fosse incinta. Tuttavia le sue condizioni di salute erano buone e il parto non era atteso a distanza di poche settimane. Ma il piccolo Dax voleva venire alla luce nella Grande Mela e così è nato prematuramente proprio in un ospedale della metropoli statunitense. Questo scherzo è costato ai due ben 200mila dollari statunitensi (circa 165mila euro): a tanto ammonta il conto dell’ospedale recapitato alla coppia. Le spese mediche per il parto infatti non sono coperte dall’assicurazione sanitaria che i due avevano stipulato per quello che credevano semplicemente un viaggio di pochi giorni. La coppia che non ha nessuno negli Stati Uniti ha chiesto aiuto alla rete per raccogliere almeno in parte i soldi necessari spiegando di non avere tutto quel denaro a disposizione. Ai costi dell’ospedale inoltre bisognerà aggiungere i costi per pernottare a New York dopo le dimissioni dal nosocomio, almeno finché il piccolo Dax, già debole per la nascita prematura, non sarà in grado di viaggiare.

Smartwatch free

Tags: , , , , ,


About the Author



4 Responses to Partorisce in vacanza a New York: Ecco cosa le è accaduto poco dopo!!

  1. chiara says:

    Che due sfigatiiiiiiiiiiiu! Stavano a casa!!!!

    • Moralità Esplicita says:

      Ma infatti, statv a casa!!!!!! Uno deve essere consapevole che andando in giro in stato interessante può nascere qualche imprevisto. Addo v’mbarcat! Bah!

      • Sebastiani Mattia says:

        che ci siano concessi un viaggio prima che arrivasse un dono bellissimo dalla vita non ci vedo nulla di strano, la cosa orrenda che mi fa rabbrividire e la cifra esorbitante chiesta dall’ospedale pare che glia anno dato una suite reale e da mangiare ostriche e champagne e le analisi non penso che abbiano avuto un costo tanto eccessivo, vi faccio TANTISSIMI AUGURI per questo dono meraviglioso e lottate per non pagare questa cifra esorbitante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!