NEWS

Published on Marzo 13th, 2015 | by Emanuele Rizzo

0

Shock per gli utenti di una delle App più utilizzate nel web

Chi non conosce ormai la celebre applicazione per smartphone “TripAdvisor”, famosa per le sue recensioni sui ristoranti di tutto il mondo. All’interno della stessa infatti, per chi non lo sapesse, l’utente è libero di recensire il ristorante o l’hotel di sua scelta ed esprimerne un giudizio positivo o negativo. Ma che succede quando il giudizio è così negativo da diventare un insulto o ancora meglio è rivolto alla vittima per meri fini commerciali? È successo lo scorso 24 marzo, giorno in cui un ristoratore di Milano si è visto arrivare dei veri propri insulti nello spazio app rivolto alle recensioni del suo locale. Insulti e diffamazioni che il ristoratore ha deciso di smascherare rivolgendosi alle autorità di dovere. Risultato? Le indagini avrebbero appurato che dietro le “Mentite spoglie” di ben tre utenti recensioniti-offensivi si celavano dei veri e propri rivali e concorrenti nel campo della ristorazione. Veri e propri insulti mirati alla diffamazione del locale. Il GIP di Milano ha così disposto la denuncia per i tre per pratica commerciale scorretta, puntualizzando che le recensioni su tale app devono comunque avere dei limiti “morali”. Non ci stanno invece i tre avvocati rappresentanti dei ristoratori rivali che hanno affermato: “I nostri clienti, hanno esercitato il loro diritto naturale di critica che la stessa app consente”. E voi lettori da che parte vi schierate?

Tags: , ,


About the Author

Emanuele Rizzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back to Top ↑
  • Adv

  • Guarda che video!