Green Pass, cos’è e come funziona? Sarà obbligatorio ai matrimoni? Scopriamolo insieme




E’ tempo di feste e matrimoni ma è richiesta la Green Pass? E se non ce l’hai come fai? Vediamo insieme come risolvere il problema. 

vaccini covid
pixabay

Il Green Pass è un certificato sul quale sono presenti alcune informazioni come avvenuta vaccinazione all’infezione da covid-19, la guarigione dal covid-19 e la negatività ad un test molecolare o antigenico eseguito 48 ore prima di un viaggio o di una partecipazione ad un evento.

Il certificato viene rilasciato in forma cartacea dall’ASL o da una struttura sanitaria ed ha una validità limitata, 9 mesi per chi ha ricevuto l’intero ciclo vaccinale, 6 mesi per chi è guarito dal covid-19, 48 ore per esito negativo di un tampone molecolare o antigenico.

Con questo certificato sarà possibile viaggiare e partecipare alle feste.

Per i matrimoni è richiesto il Green Pass?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Matrimonio.com (@matrimoniocom)

Dal 15 giugno la gente potrà ricominciare a sposarsi, il settore delle cerimonie è uno più colpito dalla pandemia da covid-19. Le regole per partecipare a questi eventi sono stabilite nel Decreto del 18 maggio, però vi è ancora molta confusione in merito.

Al centro dell’attenzione troviamo il Green Pass, che deve essere utilizzato anche in zona bianca. Il fatto assurdo è che durante le cerimonie nessuno può controllare se gli ospiti ne siano realmente in possesso, nella legge infatti non è stato previsto che ci sia qualcuno a controllare se gli invitati ne siano provvisti sia per il vaccino, la guarigione o il tampone. Cosa importante inoltre è che se le forze dell’ordine dovessero fare un controllo durante una festa, la sanzione verrà attribuita solo al trasgressore e non a tutti i partecipanti.

Dal momento che i matrimoni saranno un evento giornaliero (viste le restrizioni iniziate nel 2020) è possibile che possa calare il silenzio totale sulla questione e che molte feste non siano del tutto covid-free dal momento che le forze dell’ordine, impegnate in diverse occasioni sul territorio, non potranno controllare tutte le feste private d’Italia.

-> LEGGI ANCHE MARIA DE FILIPPI COM’È DIETRO LE TELECAMERE? INDISCREZIONI SULLA CONDUTTRICE

-> LEGGI ANCHE GREEN PASS, È CERTEZZA: DAL 1 LUGLIO LE NUOVE REGOLE PER VIAGGIARE

Sarà dunque fatto appello al senso civico degli italiani e delle strutture dove verranno festeggiate le nozze. Però è molto difficile che tutti rispettino tutto dal momento che è la stessa legge a non prevedere chi possa controllare la situazione a monte. E’ il caso di dire che il Green Pass è una classica cosa fatta all’italiana.

 




POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

LE PIU' LETTE

NOTIZIE DA NON PERDERE