Trattava la moglie come una schiava, violenza fisica e psicologica per anni

Trattava la moglie come una schiava, facendola lavorare al posto suo e costretta a finanziarlo. Arrestato un uomo di 50 anni.

trattava la moglie come una schiava
screenshot You Tube

Un uomo di 50 anni, a Messina in Sicilia, è finito in manette con l’accusa di violenza fisica e psicologica nei confronti della moglie.

Secondo le indagini della polizia, l’uomo trattava la moglie come una vera e propria schiava.

La donna subiva episodi di violenza fisica e psicologica che si ripetevano da anni, anche davanti ai propri figli. Il marito la costringeva, inoltre, a lavorare al posto suo e visto che era dedito al gioco d’azzardo, anche a finanziarlo ogni giorno.

Costringeva la donna e anche i figli a vivere nella paura alternando insulti e minacce, anche di morte, aggredendo la donna servendosi anche a volte di un coltello.

L’intervento della polizia nell’abitazione della coppia hanno portato alla luce l’insana condotta dell’uomo e al trasferimento di quest’ultimo in carcere, per maltrattamenti in famiglia.

Trattava la moglie come una schiava, simile la storia di Cuneo

trattava la moglie come una schiava
screenshot You Tube

Simile alla recente vicenda messinese, è la storia di maltrattamenti scoperta a Cuneo appena un mese fa.

Un uomo di 77 anni era stato arrestato dai carabienieri della compagnia di Mondovì con l’accusa di maltrattamenti nei confronti della moglie, di 14 anni più giovane.

La donna, similmente alla donna messinese, veniva trattata come una schiava, in uno stato di degrado, vittima di violenze spicologiche e fisiche da parte del marito. Dalle indagini fatte, era emerso che il marito era arrivato addirittura a privare la donna di ricevere assistenza sanitaria per curare problemi fisici.

–> LEGGI ANCHE Anziano fugge dalla clinica: ricercato dai Carabinieri. L’Incredibile motivo

–> LEGGI ANCHE Trovato cadavere di un uomo nel parco “Willy Ferrero”: le indagini

Dopo l’intervento degli assistenti sociali, la donna era stata trasferita all’ospedale di Mondovì, e in seguito persa in carico da un’associazione della Croce Rossa.