La povertà al livello più alto, nel 2020 ben 2 milioni di famiglie povere

La povertà al livello più alto nel 2020, mai un valore così alto dal 2005. In Italia ben due milioni di famiglie in povertà assoluta.

povertà al livello più alto
file di poveri a Milano, screenshot You Tube

Complice la pandemia, nel 2020, secondo i dati, sono oltre due milioni le famiglie in povertà assoluta (con un’incidenza pari al 7,7%), per un totale di oltre 5,6 milioni di individui.

Lo rileva l’Istat spiegando che dopo il miglioramento del 2019, nell’anno della pandemia la povertà assoluta aumenta raggiungendo il livello piú elevato dal 2005.

L’incidenza delle famiglie in povertá assoluta si conferma più alta nel Mezzogiorno, ma la crescita più ampia si registra nel Nord dove la povertá sale al 7,6% dal 5,8% del 2019.

Questi nuovi dati fanno sì che, se nel 2019 le famiglie povere del nostro Paese erano distribuite quasi in egual misura al Nord con il 43,4% e nel Mezzogiorno con il 42,2%, nel 2020 arrivano al 47% al Nord contro il 38,6% del Mezzogiorno, con una differenza in valore assoluto di 167mila famiglie. Anche in termini di individui è il Nord a registrare il peggioramento piú marcato, con l’incidenza di povertà assoluta che passa dal 6,8% al 9,3%. Sono così oltre 2 milioni 500mila i poveri assoluti residenti nelle regioni del Nord contro 2 milioni 259 mila nel Mezzogiorno.

Per classe di etá, l’incidenza di povertá assoluta raggiunge l’11,3% (oltre 1 milione 127mila individui) fra i giovani (18-34 anni); rimane su un livello elevato, al 9,2%, anche per la classe di età 35-64 anni (oltre 2 milioni 394 mila individui), mentre si mantiene su valori inferiori alla media nazionale per gli over 65 (5,4%, oltre 742mila persone).

La povertà al livello più alto, l’appello di papa Francesco in aiuto alle famiglie italiane

povertà al livello più alto
Papa Francesco, screenshot You Tube

Anche papa Francesco è intervenuto sull’argomento povertà:“I poveri sono aumentati a dismisura e, purtroppo, lo saranno ancora nei prossimi mesi”, è l’allarme lanciato dal papa.
Papa Bergoglio sottolinea come lo scorso anno, la pandemia si è aggiunta come un’altra piaga che ha moltiplicato ulteriormente i poveri, anche dove non ha portato sofferenza e morte.

–> LEGGI ANCHE “Dopo il vaccino ho perso l’occhio”, l’agghiacciante racconto di una 59enne

–> LEGGI ANCHE Vaccini, il via per gli adolescenti. A Rieti il primo Junior Open Day

Il papa inoltre si rivolge ai capi di stato chiedendo uno sguardo attento per trovare le soluzioni più idonee per combattere il virus a livello mondiale, e dare risposte concrete a quanti patiscono la disoccupazione, che colpisce in maniera drammatica tante famiglie italiane.