Covid Italia, il bollettino di oggi 22 giugno: i dati aggiornatI

Covid Italia, i dati aggiornati del 22 giugno: ecco il bollettino con contagi, morti e guariti delle ultime 24 ore.

Ambulanza 118 (Pixabay)
Ambulanza 118 (Pixabay)

Da ieri quasi tutta Italia è passata in zona bianca. Dalla prossima settimana, anche la Valle D’Aosta dovrebbe passare nella fascia di colore in cui non sono presenti restrizioni. Nel frattempo, è arrivata un’altra ottima notizia per i cittadini: il Cts ha espresso parere favorevole, dal 28 giugno la mascherina potrà essere tolta all’aperto (tranne in casi di assembramento o quando non è possibile mantenere una distanza di un metro dalle altre persone).

La variante Delta, intanto, continua a far paura: in varie parti d’Europa i contagi stanno aumentando notevolmente. Stando alle dichiarazioni del virologo Pregliasco, questa variante inizierà a circolare da noi al termine dell’estate. Guardiamo insieme il bollettino di oggi 22 giugno, focalizzando l’attenzione sul numero dei nuovi positivi e su quello dei decessi.

Covid Italia, il bollettino del 22 giugno: i dati aggiornati

Tornano a salire i casi di Covid in Italia: nelle ultime 24 ore ci sono stati 835 nuovi positivi a fronte di 192.882 tamponi.

Tamponi Covid
Tampone (Foto Instagram)

Dopo i 495 nuovi positivi di ieri (il numero più basso dal 18 agosto), il numero torna a salire ma sono stati effettuati notevolmente più tamponi rispetto alla domenica. Rispetto a martedì scorso, tuttavia, i nuovi positivi sono molti di meno (ne furono 1.255 lo scorso 15 giugno). Il tasso di positività scende invece allo 0,4 %. Le persone che sono morte tra ieri e oggi a causa del Covid sono 31: il totale sale quindi a 127.322.

–> LEGGI ANCHE COVID ITALIA, SCOPERTO FOCOLAIO VARIANTE DELTA 

–> LEGGI ANCHE Covid: la variante Delta fa paura. Come riconoscerla e proteggersi

Continua ad alleggerirsi la pressione sugli ospedali: per le terapie intensive si registra un -23, i ricoveri ordinari sono invece 101 in meno rispetto a ieri. La campagna di vaccinazione procede senza sosta: nel nostro paese più del 50% della popolazione ha ricevuto almeno una dose. Ricordiamo che gli under 60 che hanno ricevuto la prima dose di Astrazeneca, riceveranno come seconda o una dose di Pfizer o una di Moderna.