Transessuale trovata morta in un canale: ferite su tutto il corpo

Il corpo con una ferita alla testa è stato trovato in via Prenestina, all’altezza del numero civico 486 a Roma.

Trans morta Roma

Questa mattina una transessuale è stata trovata senza vita in via Prenestina, al numero civico 486 a Roma. Il corpo presentava una ferita alla testa.

I carabinieri sono stati avvertiti da un passante che aveva notato il corpo riverso in un canale di scolo vicino ad un distributore di benzina. La vittima era a terra, con la testa spaccata.

Oltre ai sanitari del 118 son intervenuti i carabinieri della compagnia di Montesacro e della VII sezione del nucleo investigativo di via In Selci per i rilievi del caso. La vittima non ha ancora un’identità ma dalle ferite, gli inquirenti pensano che possa trattarsi di un omicidio accaduto al culmine di una lite con un cliente. Le forze dell’ordine sono in attesa del parere del medico legale.

In via Prenestina è presente un distributore Ip che di notte è frequentato da transessuali che si prostituiscono

Trans morta Roma

I CARABINIERI STANNO ASCOLTANDO I TRANS CHE FREQUENTANO LA ZONA

Le indagini sono serrate, i militari hanno interrogato una conoscente della vittima che poi è stata accompagnata via dalla zona. Il corpo è stato individuato stamattina da un uomo che passava in quella via. Il passante ha poi segnalato il fatto ad un macchina dei carabinieri impegnata nel controllo del territorio.

La piccola strada è stata chiusa e sull’asfalto ci sono tutte le lettere sistemate dagli investigatori della scientifica che stanno cercando di ricostruire la morte misteriosa.

Le forze dell’ordine vogliono reperire i filmati delle telecamere di Via Prenestina poiché le immagini potrebbero ricostruire la fine della trans.

Il 20 novembre in Italia si celebra il Trans Day of Remembrance, la giornata internazionale per ricordare le persone trans vittime di violenza. Fin dal 1998, utilizzando lo slogan “remember our dead” le comunità trans, transgender e LGBT + in generale ha voluto dare visibilità alla minoranza della sigla che più spesso è vittima di violenza.

–> LEGGI ANCHE LUTTO NEL CALCIO: MUORE GIOVANISSIMO IL CALCIATORE LUCAS PEREIRA

–> LEGGI ANCHE GRANDE FRATELLO VIP: MELISSA SATTA PER LA PROSSIMA EDIZIONE?

A tenere il triste conto delle morti è dal 2008 l’organizzazione no profit Transgender Europe con il progetto Trans Murder Monitoring.