Viene operato e due chirurghi vanno a processo. Danni permanenti

Danni permanenti dopo l’operazione. Medici chirurgi vanno a processo. La vita dei pazienti è rovinata per sempre. 

mamma esame medico
Pixabay

Le parti lese della vicenda sono quattro transessuali, i pazienti hanno riportato danni permanenti ed ora sono sotto processo due chirurghi dell’Umberto I di Roma, è stata imputata anche la direttrice del reparto di  Biologia dello stesso ospedale.

I danni riportati dai pazienti sono permanenti ed invalidanti, i transessuali si erano sottoposti ad un intervento per il cambio sesso però purtroppo le tecniche utilizzate ed i tessuti non erano conformi ai casi.

Prima la felicità dell’operazione e poi lo shock

ospedale
fonte immagine Pixabay

Il cambio sesso è l’ultimo step da seguire per completare la transizione sessuale, sia per quanto riguarda la falloplastica che per la vaginoplastica. Queste operazioni, rispetto a diversi anni fa, sono diventate molto consuete.

Però qualcosa è andato storto all’Umberto I di Roma, sono indagati due chirurgi e la direttrice del reparto di Biologia.

Stando alle dichiarazioni dell’accusa, si trattava di un operazione di vaginoplastica, volta alla costruzione dell’organo femminile. Le quattro transessuali sono state operate mediante una tecnica che prevede il prelievo di tessuto dalla bocca del paziente, questo tessuto sarebbe stato trattato in laboratorio e poi innestato per formare il canale vaginale.

Secondo l’accusa il tessuto prelevato non era adeguato all’innesto vaginale e sottolinea che sia stata una tecnica sperimentale e che abbia causato un danno permanente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —–> DENISE PIPITONE, L’EX PM ANGIONI SPIEGA PERCHÈ È STATA INDAGATA

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ——> FEDEZ CONTRO IL VATICANO, LA REPLICA DI NUNZIO GALANTINO E SUOR MONIA ALFIERI

Per la difesa invece era tutto conferme, sia i tessuti che l’innesto: “La produzione di quei tessuti era una terapia consolidata, consentita e permessa”, replica l’avvocato degli accusati. “Il laboratorio di biologia fornisce questi tessuti a diversi reparti del policlinico Umberto I, tra cui quello del chirurgo che ha svolto molti interventi di ricostruzione della vagina a ragazze che sono anche affette da patologie dalla nascita. Si tratta di una terapia consolidata, e non sperimentale”. 

Mercoledì scorso sono stati ascoltati gli ultimi test, la discussione è stata fissata per il 2 luglio.