Claudia Gerini, la verità sul brutto tradimento: finalmente la confessione

Claudia Gerini racconta la verità in merito al brutto tradimento, arriva la tanto attesa confessione per l’attrice e regista cinematografica.

Nata a Napoli il 22 ottobre del 1965, Valeria Golino è un’attrice e una regista molto famosa. La sua infanzia l’ha passata tra Atene e Napoli.

claudia gerini (web source)
claudia gerini (web source)

Proprio in Grecia ha mosso i suoi primi passi nel mondo dello show business, raggiungendo ottimi risultati. Tanto che da modella viene scoperta da Lina Wertmuller che la lancia sul grande schermo, iniziato la sua carriera come attrice.

Nel corso degli anni l’attrice ha conseguito diversi successi, diventando anche registra. In particolare, due anni fa è uscito il suo secondo film “Euforia” che la vede alla regia. Proprio questa produzione riprende un grande dolore vissuto dall’attrice. Andiamo a scoprire di cosa stiamo parlando.

Ecco di cosa si tratta

Come dichiarato dalla stessa attrice e regista, lo spunto narrativo di Euforia viene quindi dalla realtà. “Come tutte le volte in cui ti capita di romanzare una storia vera prendi uno spunto dalla realtà e poi lo trasformi fino a renderlo irriconoscibile, rivela la Golino. Infatti, nel film ci sono due fratelli. Uno abita in una metropoli. È ricco, benestante, affermato e irrisolto. L’altro, un professore di scienze naturali, vive in provincia e dopo essersi separato dalla moglie divide la grande casa di famiglia con sua madre. Questa storia è ispirata ad una storia vera, vissuta dalla stessa regista.

“Un mio caro amico – racconta Valeria – ha ricevuto la notizia che suo fratello, un fratello diversissimo da lui, stava molto male. Lo ha fatto venire a Roma per occuparsi in prima persona di questa cosa, ma senza dirgli che aveva il cancro. Un giorno mi ha raccontato che era entrato in una profumeria con le medicine fornite dall’oncologo e per confondere il fratello aveva comprato un grande barattolo di crema per il viso, lo aveva svuotato e ci aveva riversato le pillole dentro. Mi è parso che quest’atto forse sbagliato, sicuramente incongruo e al tempo stesso fantasioso, contenesse una tale pietà e una tale bellezza da meritare una riflessione”. Da qui è quindi nata l’ispirazione per il film. Ma la vita dell’attrice è stata sconvolta da un grande dolore.

Approfondisci anche —> Luciano Ligabue, la confessione straziante: “Ho perso 3 figli”

Leggi anche -> Simona Ventura al veleno, scontro tra due conduttrici : “Tra le due preferisco la pizza”

Leggi anche -> Marco Liorni, l’amore per Giovanni gli costò caro: ecco cosa successe al conduttore

La verità sul tradimento

claudia gerini (web source)
claudia gerini (web source)

Il dolore più grande ricevuto da Valeria Golino è stata certamente la scomparsa del padre. “Mio padre è stato male, ha avuto un tumore e poi, in un anno, se ne è andato. Alcune conversazioni che ho avuto con lui, alcuni stralci, sono entrati sia in Miele che in Euforia, ha rivelato l’attrice. Nel suo film, infatti, Valerio Mastandrea ha un tumore al cervello. “Atroce – dichiara la Golino – ma invisibile. Scava dentro, fa smarrire le parole, provoca un ammutinamento interiore, ma non ha nulla di visibile o di tangibile”. Sembra quindi chiaro il riferimento alla sua vita privata.