Vaccino anti-covid, c’è un decesso con la seconda dose. I dettagli




Recatasi in ospedale per ricevere la seconda dose del vaccino anti-covid, la 91enne trevigiana non ce l’ha fatta.

Vaccino anti-covid, seconda dose è decesso nel trevigiano

È successo sabato 8 maggio a Villorba, nella provincia di Treviso, protagonista la signora Irma Dall’Acqua, di età 91, che quella stessa mattina si era recata nell’ospedale del paese per la somministrazione della seconda dose del vaccino anti-Covid prodotto dall’industria farmaceutica Pfizer.

Tutto sembrava fosse andato per il meglio fino a quando, pochi minuti dopo l’iniezione – un’ora circa, la donna ha iniziato ad avvertire un malessere. Per fortuna l’anziana si trovava ancora sul posto, poiché in attesa che anche alla figlia venisse somministrato il vaccino anti-Covid.

Infatti il pronto intervento del Team del centro vaccinale anti-Covid ha eseguito tempestivamente le tutte le manovre necessarie per la rianimazione in seguito all’arresto cardiocircolatorio che ha colpito la paziente.

Vaccino anti-covid, le cause del decesso della 91enne

pixabay

Nonostante l’immediato soccorso del Team del centro vaccinale e della squadra del 118, in cui presenziava anche un anestesista rianimatore, la signora Irma non ce l’ha fatta. A postumi dell’evento il pensiero comune è stato quello di riversare sul vaccino anti-Covid la causa dell’arresto cardiocircolatorio che ha colpito l’anziana donna, tralasciando quindi il corredo clinico della paziente che da tempo addietro soffriva di gravi patologie cardiovascolari e renali. Per fare maggiore chiarezza sull’accaduto, l’Usl Marca Trevigiana ha affermato che le cause del decesso saranno chiarite da un’autopsia.

LEGGI ANCHE -> LOTTERIA DEI VACCINI IN USA: 22ENNE VINCE E LE RICHIESTE SALGONO

LEGGI ANCHE -> COVID, DUE RICERCHE USA PARLANO DI UNA PROBABILE IMMUNITÀ A VITA

Nell’attesa, il direttore generale Francesco Benazzi, sostiene che non c’è alcuna correlazione tra l’accaduto e la somministrazione del vaccino. L’uomo sottolinea che l’arresto cardiovascolare non è avvenuto immediatamente dopo l’iniezione, bensì dopo un’ora (tempo in cui la paziente è stata tenuta sotto controllo). Sarà quindi il risultato dell’autopsia a sciogliere questo nodo irrisolto.




POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

LE PIU' LETTE

NOTIZIE DA NON PERDERE