Covid, muore 37enne dopo mesi di calvario: lascia bambina di 2 anni




Covid, una donna di appena 37 anni muore dopo una lunga lotta al virus che sta terrorizzando il mondo intero. 

Ospedale Instagram Foto
Ospedale (Fonte Instagram)

Il nuovo coronavirus sta mettendo in ginocchio il mondo intero da più di 1 anno. L’emergenza attuale ha scatenato una crisi sanitaria con pochi precedenti nella storia. Ogni giorno, i bollettini diramati dalle varie Nazioni fanno letteralmente paura. Fin dall’inizio dell’emergenza, una cosa è sempre stata chiara: ci sono delle categorie più a rischio come anziani o coloro che presentano patologie che subiscono maggiori danni dopo il contagio.

Molti di loro, purtroppo, non riescono a fronteggiare il virus e muoiono. Il numero di decessi per Covid è attualmente pari a 3,69 milioni considerando tutto il pianeta. Tralasciando ciò, il coronavirus non fa selezioni e spesso anche giovani subiscono danni incredibili. La storia del ragazzo di 18 anni con i polmoni bruciati dal Covid, qualche mese fa, fece il giro del mondo. E ancora, una giovane vita è stata stroncata dal nemico invisibile proprio nelle ultime ore.

Covid, muore 37enne dopo mesi di calvario

Una giovane donna di appena 37 anni è morta dopo diversi mesi in cui ha lottato contro il Covid. Sara era stata contagiata verso metà marzo ed era stata ricoverata in ospedale nel reparto di rianimazione del San Martino di Genova.

Reparto in ospedale
Reparto Ospedale (pixabay)

Proprio nel momento in cui sembrava avvicinarsi alla guarigione, la donna è stata colpita da un arresto cardiaco. I medici sono riusciti a rianimarla ma, dopo 10 giorni di coma, è deceduta. Il suo fisico, già debilitato da mesi dal Covid, non ha retto. La 37enne lascia una bimba di appena 2 anni: un destino atroce, con la piccolina che non potrà più abbracciare colei che l’ha messa al mondo. Questa è solo l’ultima delle innumerevoli tragedie che hanno colpite numerose famiglie.

LEGGI ANCHE –>Vaccino anti-Covid, l’annuncio di Speranza: “Da domani potranno farlo tutti”

LEGGI ANCHE –> Covid Italia, il bollettino del 3 giugno: i dati

Il Covid è una minaccia davvero pericolosa: il virus non fa distinzioni d’età, di sesso o di altro. La campagna vaccinale è di fondamentale importanza: il vaccino riduce di parecchio il rischio di contrarre una malattia pesante.

 




POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

LE PIU' LETTE

NOTIZIE DA NON PERDERE