AstraZeneca: a Genova, ragazza ricoverata in rianimazione dopo il vaccino

AstraZeneca: il vaccino anti-Covid-19 segna l’ennesima casistica a suo sfavore. Una ragazza di 18 anni, è in rianimazione dopo aver assunto la dose di vaccino. La verità sulle sue condizioni.

AstraZeneca vaccino covid
Pixabay

Genova – Rimangono gravi le condizioni della giovane diciottenne di Sestri Lavante, nel genovese. La ragazza era una fra i maturandi che avrebbero dovuto ricevere in anticipo la dose di vaccino anti-Covid. E così è stato. La studentessa è stata vaccinata lo scorso 25 maggio, ma da allora, i sintomi probabilmente correlati alla dose di AstraZeneca iniettatale, sono diventati sempre più preoccupanti.

La salute della diciottenne ha iniziato ad aggravarsi in diverse fasi: il 3 giugno, la giovane ha cominciato a lamentare forti mal di testa e sensibilità alla luce. Una volta in pronto-soccorso, è stata sottoposta a TAC cerebrale ed esame neurologico, ma entrambi gli accertamenti hanno dato esito negativo. Erano passati pochi giorni dalla sua vaccinazione con AstraZeneca. La situazione, però, continua a peggiorare fino alla drammatica scoperta.

AstraZeneca: la 18enne di Genova, operata due volte al cervello. La verità sulla prognosi

La giovane di Sestri Levante è tornata in pronto-soccorso appena due giorni dopo la prima emergenza. Il 5 giugno, infatti, la ragazza aveva parti del corpo paralizzate ed è stata sottoposta ad una nuova TAC. L’esito dell’esame, questa volta, è stato drammatico: la giovane aveva un’emorragia cerebrale in corso. La famiglia ha comunicato i nomi dei farmaci assunti dalla ragazza, oltre ad AstraZeneca, e ora si sta cercando una correlazione tra i sintomi e il vaccino.

AstraZeneca ricoverata
Pixabay

La prognosi della diciottenne rimane grave: la trombosi di cui è stata vittima, ha reso necessari ben due interventi chirurgici al cervello. I medici del Policlinico San Martino di Genova hanno dovuto prima operare per eliminare meccanicamente il trombo al seno cavernoso (grossa vena alla base del cranio, dietro agli occhi, ndr). In seguito, hanno operato nuovamente la ragazza vaccinata con AstraZeneca, per ridurre la pressione intracranica, causata dalla trombosi.

-> LEGGI ANCHE VACCINI COVID, IL PERICOLOSO ANNUNCIO DEGLI SCIENZIATI: COSA HANNO SCOPERTO

-> LEGGI ANCHE COVID ITALIA, IL BOLLETTINO DELL’8 GIUGNO: I DATI AGGIORNATI

Ora le condizioni della diciottenne sono stabili, ma nella loro gravità, hanno comunicato i medici del policlinico. Il caso della giovane di Sestri Levante dopo aver assunto il vaccino AstraZeneca, non è isolato. Risale alla scorsa sera di martedì 8 giugno, il ricovero in terapia intensiva per una giovane donna di 34 anni di Savona. La paziente lamentava un forte mal di testa e, una volta ricoverata, dagli esami clinici è emersa la presenza di alcuni trombi nelle vene del circolo epatico. La donna rimane in terapia intensiva, ma respira autonomamente, in attesa di maggiori accertamenti.