Covid Italia, il bollettino del 9 giugno: i dati aggiornati

Covid Italia, i dati aggiornati del 9 giugno: ecco il bollettino con contagi, morti e guariti delle ultime 24 ore.

vaccini anti covid
Screenshoot You Tube

Come ogni giorno, c’è grande attesa per il bollettino quotidiano con i dati del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Il Governo, intanto, ha deciso di lanciare il Green Pass: per alcuni tipi di spostamenti e per poter fare delle attività bisogna possedere questo “certificato”. Per ottenerlo, bisogna essere guariti dal Covid (il lasso di tempo considerato è pari a 6 mesi), bisogna essere vaccinati oppure occorre un tampone negativo (ha una validità di soli 2 giorni).

Grazie al trend in discesa e al calo delle principali curve che abbiamo conosciuto in questi mesi difficili, si può iniziare a programmare qualcosa per le prossime settimane come nuove aperture. Guardiamo insieme il bollettino di oggi 9 giugno sul numero dei nuovi contagiati, dei decessi e dei guariti.

Covid Italia, il bollettino del 9 giugno: i dati aggiornati

I casi  nelle ultime 24 ore sono 2.199 con 218.738 tamponi analizzati. Le Regioni che fanno registrare il maggior numero di nuovi contagi sono la Lombardia (322), la Sicilia (320), la Campania (257) e la Puglia (185).

Tamponi Covid
Tampone (Foto Instagram)

La curva torna a salire: nella giornata di ieri erano stati 1.896 casi.  Cala ancora, tuttavia, la pressione sugli ospedali: sia nei reparti di terapia intensiva (-27) che in quelli ordinari (-303). Scende invece il numero dei morti per Covid: nelle ultime 24 ore sono stati 77 (ieri per la prima volta dopo diversi giorni il dato superò quota cento). Dall’inizio dell’emergenza, ben 126.767 persone hanno perso la vita a causa del virus. Si registrano, infine, 8.912 guariti.

–> Leggi anche Covid Italia, il bollettino del 9 giugno: i dati aggiornati 

–> Leggi anche Vaccini Covid, il pericoloso annuncio degli scienziati: cosa hanno scoperto 

Nel nostro paese continua spedita la campagna vaccinale: l’obiettivo del Governo è quello di immunizzare l’80% della popolazione entro il mese di settembre. Ci sono tuttavia ancora casi sporadici che lanciano l’allarme: una ragazza di Genova, dopo aver ricevuto una dose di Astrazeneca, è in terapia intensiva per trombosi. Gli effetti collaterali dei vaccini hanno sempre allarmato la popolazione e hanno ovviamente sollevato diversi polveroni dall’inizio dell’emergenza.