Omicidio Sarah Everard, Wayne Couzens confessa alla prima udienza

Omicidio Sarah Everard, il poliziotto Wayne Couzens confessa alla prima udienza: rapì e stuprò la 33enne fino a ucciderla.

omicidio sarah everard
Screenshot You Tube

Si è dichiarato colpevole nell’udienza preliminare davanti alla corte londinese, il poliziotto Wayne Couzens, a processo per l’omicidio di Sarah Everard.

L’ex agente, che aveva già fatto una prima confessione al momento dell’arresto, ha ammesso di aver rapito e poi stuprato fino alla morte la 33enne inglese ritrovata senza vita lo scorso marzo nel Kent.

Quattro i membri della famiglia della vittima che erano presenti all’udienza in tribunale. L’ammissione di colpevolezza di Couzens è stata rimandata alla presentazione degli esami medici e la prossima udienza avrà luogo il 9 luglio.

Sarah Everard era scomparsa la notte del 3 marzo in un quartiere a sud di Londra, mentre rientrava nella sua abitazione, dopo una serata tra amici. Il giorno seguente il fidanzato aveva denunciato la scomparsa e il suo cadavere venne ritrovato in un bosco nel Kent, il 10 marzo.

Omicidio Sarah Everard, il femminicidio diventato un caso

omicidio sarah everard
Screenshot You Tube

Il caso Everard, preceduto e seguito da altri femminicidi analoghi, ha suscitato orrore e proteste in Gran Bretagna.

Il femminicidio di Sarah Everard, è diventato motivo di grandi proteste nel Regno Unito e non solo. Qualche giorno dopo la morte della ragazza fu organizzata una manifestazione a Londra in ricordo di Sarah e per chiedere maggiore sicurezza per le strade.

–> LEGGI ANCHE Saman Abbas, chi è suo zio Danish Hasnain che l’avrebbe uccisa strangolandola?

–> LEGGI ANCHE Seid Visin e la verità sul suo suicidio. Parlano i genitori del calciatore, si sfata l’ipotesi di razzismo

La sera in cui è scomparsa, Sarah infatti aveva fatto tutto quello che viene suggerito alle donne di fare per non subire violenza negli spazi pubblici ed è invece stata uccisa da Wayne Couzens, un uomo che appartiene a quel sistema che avrebbe dovuto proteggerla.