Europei, torna il pubblico all’Olimpico: le norme per entrare allo stadio

Europei, dopo tanta attesa finalmente inizia la competizione con il pubblico sugli spalti: tutte le norme per entrare all’Olimpico.

Mancini Roberto CT
Mancini Roberto (Instagram)

Dopo una lunghissima attesa, cominciano finalmente gli Europei. La competizione era inizialmente prevista nell’estate 2020: a causa della pandemia di coronavirus, però, ha subito uno slittamento di 12 mesi. L’Italia scenderà in campo questa sera alle ore 21 per affrontare la Turchia. Nonostante l’emergenza in corso, finalmente il pubblico tornerà sugli spalti.

Per il match inaugurale che si disputerà all’Olimpico sono previsti 14mila spettatori. Gli organizzatori avevano fissato i paletti delimitando la capienza a 15.948 (il 25% di quelli che lo stadio può contenere). A causa del momento difficile che stiamo vivendo l’organizzazione è stata studiata nei minimi dettagli: all’interno e all’esterno dell’impianto ci saranno ben 3mila operatori.

Europei, torna il pubblico all’Olimpico: tutte le norme per i tifosi

Sono stati aperti tutti i settori dello stadio: i tifosi turchi occuperanno i Distinti Nord. Le telecamere dell’impianto, oltre al monitoraggio normale, serviranno per controllare se il distanziamento sarà rispettato.

Italia Nazionale
Nazionale italiana (foto Instagram)

I tifosi, una volta arrivati allo stadio, dovranno passare per uno dei 48 tunnel istituiti e dovranno sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea mediante appositi termoscanner. Onde evitare inutili assembramenti, su ogni biglietto c’è un orario: il tifoso deve superare i tornelli in quella precisa fascia. La apertura è fissata per le 18: ogni “turno” dura circa trenta minuti. La cerimonia di apertura è prevista per le ore 20.30.

–> Leggi anche Gianluca Vialli parla della sua malattia: il racconto del dirigente 

–> Leggi anche Ronaldo vuole lasciare la Juve: arriva la decisione dopo il contatto con Allegri 

Per entrare allo stadio servono alcune certificazioni. Secondo quanto si legge sul sito della Figc, per poter andare sugli spalti occorre: o una certificazione di avvenuta vaccinazione contro il Sars-CoV-2 rilasciata da un’autorità sanitaria italiana”, o una certificazione di avvenuta guarigione, o una certificazione di negatività ad un test antigenico. Per quanto concerne il tampone, deve essere stato effettuato entro le 48 ore prima del match. I tifosi devono assolutamente rispettare gli orari, devono mantenere il distanziamento di 1 metro sia frontalmente che lateralmente. L’uso della mascherina (preferibilmente chirurgica o FFP2) è obbligatorio sia all’esterno che all’interno dell’impianto.