Sport in lutto, muore un simbolo dell’atletica italiana: un malore improvviso

Una terribile notizia per il mondo dello sport: Paola Pigni è morta oggi. La stella dell’atletica leggera che vinse il bronzo olimpico nel 1972 ci ha lasciati. Il messaggio commosso del Coni

paola pigni pigni record
Screenshot da YouTube

75 anni e un glorioso passato da primatista nell’atletica leggera: Paola Pigni è morta oggi, lasciando il mondo dello sport nello sgomento. Una vera leggenda, la mezzofondista milanese che segnò quel successo passato alla storia, alle Olimpiadi di Monaco di Baviera. Era il 1972 e la Pigni tagliava il traguardo del 1500 metri piani, guadagnandosi la medaglia di bronzo.

Oggi, rimane solo un grande silenzio attorno al vuoto che lascia Paola Pigni. Ma cosa è successo esattamente? La verità è sconvolgente. L’atleta era presente alla Festa dell’educazione alimentare nelle scuole, a Castelporziano, nella tenuta presidenziale. All’evento c’era anche Sergio Mattarella che ha accolto centinaia di bambini arrivati da tutta Italia. La manifestazione doveva segnare simbolicamente la riapertura dei campi estivi nelle fattorie. Paola Pigni si è sentita male subito dopo l’evento. Immediata la corsa in ospedale.

Paola Pigni: a nulla è valsa la corsa in ospedale. La leggenda dell’atletica leggera è morta oggi

Paola Pigni era nata a Milano il 30 dicembre del 1945 e iniziò come velocista nei 100 e nei 200 metri, prediligendo alla fine, i 1500 metri piani. Ma la passione per la corsa la spinge a sperimentare anche la maratona: nella San Silvestro del Cus Roma, taglierà il traguardo nel 1971 in 3h00:43”. E prima ancora, il record mondiale nel 1969: nella Notturna di Milano, superò l’olandese Maria Gommers, vincendo la gara in 4:12.4.

 

Oggi il mondo dello sport e dell’atletica leggera piange una leggenda, due volte campionessa del mondo di cross e 19 volte campionessa italiana assoluta. Paola Pigni ha anche stabilito 6 record del mondo in 5 diverse specialità, dando veramente una svolta al ruolo di mezzofondista femminile. Un malore dopo la cerimonia della Festa dell’educazione alimentare nelle scuole, ne ha fermato per sempre lo scatto.

–> Leggi anche EUROPEI, TORNA IL PUBBLICO ALL’OLIMPICO: LE NORME PER ENTRARE ALLO STADIO

–> Leggi anche EURO2020, POCHE ORE AL FISCHIO D’INIZIO DI ITALIA-TURCHIA ALL’OLIMPICO DI ROMA

Non sono mancati i messaggi di commozione che stanno giungendo dalle più alte personalità dello sport. Anche il Coni ha voluto omaggiare ufficialmente Paola Pigni in un post su Twitter. La Pigni ha rappresentato l’orgoglio sportivo italiano dell’altletica leggera negli anni ’60 e ’70. Il suo ricordo, come i suoi successi, rimarrà eterno.