Covid-19, a Bolzano ritorna l’incubo: nuovi contagi e terapie intensive

Il Covid-19 torna minaccioso a Bolzano. Appena l’8 giugno la notizia battuta dall’Ansa sulla chiusura delle terapie intensive. Ad oggi, nuovi contagi e un uomo grave.

covid-19 covid
Pixabay

La beffa nel dramma: il Covid-19 sembra avere altre frecce al suo arco e torna l’incubo a Bolzano. Solo pochi giorni fa, il messaggio di speranza: le terapie intensive si erano svuotate. Da 48 ore, invece, è tornato l’incubo. Boom di contagi nel capoluogo del Trentino-Alto Adige e un uomo grave. Le riaperture estive potrebbero essere la causa di questa nuova curva?

Intanto, occorre comprendere cosa si stia diffondendo in queste ore a Bolzano. È chiaro che i nuovi contagi siano riconducibili a una delle varianti del Covid19. Stiamo parlando della variante indiana, detta anche “Delta”. Un uomo di 48 anni è stato infatti ricoverato in terapia intensiva perché presentava i sintomi di Delta. Vediamo i dettagli della vicenda.

Covid-19: a Bolzano riaprono le terapie intensive. Grave un 48enne

Mentre l’Italia si prepara a vedere aumentare le zone bianche e a godersi l’estate, una nuova tragica notizia si è fatta strada da qualche ora. A Bolzano, infatti, è stato registrato un nuovo aumento di contagi da Coronavirus, nel giro di due giorni. Soltanto l’8 giugno l’Ansa batteva la notizia dello svuotamento delle terapie intensive in Trentino-Alto Adige. E invece oggi ci sono altri 31 nuovi casi e un uomo ricoverato.

covid-19 terapia intensiva
Pixabay

Un 48enne è stato ricoverato in terapia intensiva a Bolzano perché affetto da polmonite bilaterale. I suoi sintomi sono riconducibili alla tanto temuta variante indiana, più difficile da contrastare anche per i vaccinati. È emerso però che l’uomo non fosse stato ancora sottoposto a vaccinazione. Un incubo che non vuole finire, quello del Covid-19 e il Trentino ricomincia a tremare.

–> Leggi anche COVID ITALIA, IL BOLLETTINO DEL 12 GIUGNO: I DATI AGGIORNATI

–> Leggi anche ASTRAZENECA ABOLITO PER I GIOVANI: IL VERDETTO DEL CTS

Nonostante tutto, la campagna vaccinale della regione continua: stanno partendo anche i cicli per i giovani di 12 anni, con tutte le accortezze del caso. È stato resto noto, infatti, a seguito dei recenti fatti che hanno visto la drammatica morte di Camilla Canepa, la diciottenne genovese morta dopo aver assunto AstraZeneca, che il vaccino sarà riservato agli over 60. I nostri giovani quindi, saranno vaccinati con Pfizer e Moderna, con vaccini che non siano insomma a carica virale. A Bolzano, intanto, non si sono verificati decessi e 790 persone sono in quarantena domiciliare.