Schianto sulla strada: motociclisti coinvolti. Una tragedia terribile

Tragico incidente ieri sera per due uomini in sella ai loro mezzi. Il paese sconvolto per la sfortunata sorte dei motociclisti

Incidente motociclisti (pixabay)
Incidente moto (pixabay)

E’ accaduto verso le 20.40 di ieri sera, l’inizio del week end per questa piccola e tranquilla località balneare del sud Italia.

Il colpo è stato tremendo, con i due mezzi scontratisi ad un incrocio.

I soccorsi sono arrivati subito: sul posto gli operatori sanitari del 118 insieme ai vigili del fuoco locali.

Hanno tentato in ogni modo di salvare la vita dei due conducenti, ma la situazione è apparsa immediatamente disperata.

Per i motociclisti non c’è stato nulla da fare e i medici non hanno potuto che constatarne il decesso, avvenuto sul colpo.

Sul posto anche i carabinieri per i rilievi del caso e per la messa in sicurezza della zona.

L’incidente dei motociclisti il secondo in pochi giorni a Martinsicuro

Il paese in provincia di Teramo è nuovamente teatro di una disgrazia nel giro di poco tempo. Appena 2 giorni fa la morte di un piccolo di appena 1 anno.

Il bimbo perse la vita mercoledì, verso le 22 di sera, in seguito a una caduta dal terzo piano della sua abitazione. Fatale un momento di distrazione dei genitori.

Ora l’ennesima tragedia. Le due vittime sono G.M.C. di 38 anni e il 27enne C.R. di origini tunisine. Entrambi abitavano a Martinsicuro.

Dalle prime ricostruzioni, pare che l’italiano, in sella a una moto di grossa cilindrata, durante un sorpasso abbia invaso la corsia opposta, sulla quale sopraggiungeva il nordafricano sul suo scooter. Lo scontro mortale è avvenuto davanti alla caserma dei carabinieri.

Nello schianto il secondo mezzo ha preso fuoco e i vigili sono dovuti intervenire per spegnere l’incendio.

–> Leggi anche Fatale incidente per un bambino di 1 anno. Una tragedia, paese senza parole

–> Leggi anche Tragico incidente stradale, coinvolto un giovane ragazzo. Città sconvolta

I corpi dei due sfortunati centauri sono stati trasportati all’obitorio dell’ospedale di Sant’Omero per essere preparati per il riconoscimento dei parenti, previsto per oggi. I due motocicli sono stati sequestrati dai militari della località marittima abruzzese.