Sabina è stata avvistata: una “sirena” ritrovata nel porto di Genova

Anche Sabina, si è lasciata conquistare dalla bellezza del porto di Genova. La “sirena” è stata avvistata da un team di ricercatori. Qui, la clamorosa scoperta.

sabina balena
Pixabay

È già da qualche giorno, più precisamente dai primi di giugno, che al porto di Genova s’intravede una visitatrice speciale. Non una starlette e nemmeno una ricca ereditiera, ma sicuramente una girl che diventerà ben presto una grande influencer. Non porta tacchi e lustrini, anzi diciamocelo, al posto dei piedi ha le pinne. È Sabina ed è stata avvistata da un team di ricercatori.

Sabina e Airoldi e Maddalena Jahoda in testa a questa nuova scoperta. E poi Margherita Zanardelli, Adriana Geraci, Elena Politi, Paolo Pinto e Roberto Raineri: ecco il team del Tethys. Si tratta di un gruppo di ricercatori che studiano le creature marine che popolano i nostri mari. Quest’anno sono riusciti nell’impresa dell’avvistamento di una “sirena” nel porto di Genova.

Sabina si aggira nel porto di Genova: il team del Tethys avvista la misteriosa creatura marina

Durante una crociera sull’imbarcazione Pelagos, il team di Tethys ha fatto un’incredibile scoperta al largo del Mar Ligure. L’evento prende il nome di “Citizen science” e possono prendervi parte studiosi e gente comune. Tutti uniti nell’unica passione di osservare delfini e cetacei, nella speranza di incontrarli da vicino sulle coste italiane. È così che è stata avvistata Sabina, una “sirena” molto speciale.

sabina megattera
Pixabay

Di colore bianco e lunga quasi 10 metri, per svariate tonnellate di peso, Sabina è un meraviglioso capodoglio chiaro che ricorda la storia di Melville, Moby Dick. La balena era stata avvistata qualche tempo prima, in compagnia di un esemplare più piccolo, che presentava la tipica colorazione più scura delle megattere.

-> LEGGI ANCHE INTERROTTA FESTA DELLA PRIMA COMUNIONE CON 200 INVITATI E TRE MUSICISTI

-> LEGGI ANCHE DIECI POSITIVI IN UNA PALESTRA, 140 I POSSIBILI CONTAGIATI. ECCO DOVE

L’avvistamento di Sabina, femmina di capodoglio bianco, è sensazionale. Ma perché il grosso cetaceo ha deciso di esplorare nuovamente le nostre acque? Pare che nella zona del Mar Ligure si trovi una tipologia di calamari di cui la balena sarebbe ghiotta.

Il suo aspetto poi così unico, potrebbe dipendere da una condizione di albinismo, ma gli studiosi del Tethys stanno ancora continuando le loro ricerche in merito.Le balene, insomma, diventano le grandi influencers di quest’anno, se si pensa anche alla notizia del pescatore subacqueo americano, inghiottito da un cetaceo.