Conoscono delle ragazze in chat: malmenati e derubati

Due ragazzi vittime di un’aggressione dopo aver conosciuto le due donne in chat. L’episodio avvenuto in una metropoli del centro Italia

Telefono (Pixabay)
Telefono cellulare (Pixabay)

Doveva essere una serata all’insegna del divertimento e della spensieratezza, quella che pensavano li attendesse i due giovani.

Invece, dopo essersi incontrati tutti assieme vicino a un parco cittadino, i due malcapitati sono stati oggetto di un vero e proprio attacco.

La coppia di amici, come spesso capita ultimamente, visto anche il lungo periodo di restrizioni sociali, avevano trovato le ragazze su un sito specializzato in incontri e avevano deciso di approfondire la conoscenza di persona.

Questa si è però tramutata in un incubo quando una delle donne di punto in bianco li ha rapinati del cellulare. Non solo, sono anche stati picchiati e minacciati di morte.

Dopo la chat le minacce di morte: “Siamo parenti di un boss”

Il fatto è successo a Roma, in zona Pineta Sacchetti, un quartiere densamente popolato, nella serata di domenica.

Roma (Pixabay)
Roma (Pixabay)

I romani avevano iniziato a chattare con le due rapinatrici appena qualche giorno prima, tramite il noto sito di Bakeka Incontri, rimanendone colpiti.

Una volta sul posto dell’incontro, però, le cose si sono messe male, e hanno capito di essere finiti vittime di un raggiro.

Le due, D.F. e L.M., di 21 e 32 anni, non avevano alcuna intenzione di uscire con loro ma solo di derubarli dei telefonini.

Dopo l’attacco fisico, inoltre, la coppia di ladre ha minacciato i ragazzi, intimando il silenzio, pena una fine ben peggiore, essendo loro “parenti di un boss”, per poi allontanarsi in tutta fretta.

Per loro fortuna, una pattuglia della Polizia, sezione Volanti, era nei paraggi, proprio in quella zona, per un controllo di routine.

Avvertiti di quanto era successo, gli agenti, assieme ai colleghi del XIV Distretto Primavalle, si sono messi sulle loro tracce, intercettandole a breve distanza.

Per le due, entrambe originarie della Puglia, è scattato l’arresto per il reato di rapina aggravata.

–> Leggi anche Rapina al portavalori, auto incendiate e autostrada bloccata

–> Leggi anche Rapina al Carrefour a Roma: un uomo armato ha seminato il panico

Non è la prima volta che un incontro in chat finisce male: solo il mese scorso un ragazzo di 21 anni di Gambara, dopo aver iniziato a scriversi su Whatsapp con una giovane, aveva rischiato di essere linciato dal fidanzato e i suoi amici. Provvidenziale in quel caso l’intervento dei Carabinieri.