“Mille”, il video della canzone primo in tendenze. Bufera però contro Fedez

“Mille” il video della hit estiva di Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti è già primo in tendenze su You Tube. Bufera però contro Fedez.

mille
immagine tratta dal video “Mille”, screenshot di You Tube

Il singolo di Fedez “Mille” che conta anche la partecipazione di Orietta Berti e Achille Lauro in poche giorni dal suo lancio in rete ha già ottenuto più di tre milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube.

La hit estiva dell’improbabile trio sembrerebbe insomma avere tutte le carte in regola per diventare il tormentone dell’estate 2021.

Impazziti infatti i fan, nei commenti sotto il video, che nonostante la lontananza a livello musicale dei tre artisti, sembrano aver apprezzato e non poco questa collaborazione.

Un vero successo sembrerebbe, se non fosse per le pesanti accuse che sono piovute contro Fedez da parte di una drag queen ingaggiata per le riprese del video.

“Mille”, le accuse contro Fedez: “Non basta esporsi pubblicamente in tv, bisogna farlo anche nel quotidiano”

mille
Fedez in uno scatto con le drag queen del video, screenshot di You Tube
Divampa la polemica agli esordi del video musicale di “Mille”.
Ad entrare nell’occhio del ciclone è proprio il paladino della comunità Lgbt, Fedez.
La denuncia arriva da Paola Penelope, una delle due drag queen ingaggiata per recitare nel video clip, che si sfoga in un post sul proprio account Facebook in cui spara a zero contro lo staff del cantante.
Una lunga lettera indirizzata al marito di Chiara Ferragni dove Penelope ha parlato di un lavoro da incubo menzionando anche alcuni degli insulti ricevuti dagli addetti ai lavori durante la giornata delle riprese. “Dite alle trans di mettersi all’ombra” avrebbe detto l’aiuto regista.
Stando alle sue parole avrebbe dovuto avere maggiore spazio nel videoclip assieme ad una collega, salvo poi essere confinate entrambe alle estremità di ogni scena.
La drag queen, continua specificando che Fedez non ha assistito alla scena, ma lo esorta a controllare meglio le persone che si affianca.
Infine, sostiene che loro presenza fosse fuori contesto lamentandone anche la poca necessità all’interno del video e alludendo ad una partecipazione meramente simbolica.
La vicenda non sembra essersi conclusa in maniera pacifica: “Voglio solo dirti che ho dovuto avvalermi dell’assistenza di un legale”, continua nel post.
Infine, la bordata diretta a Fedez: “Non basta esporsi pubblicamente in tv, bisogna farlo ogni giorno, anche nel quotidiano, anche scegliendo uno staff che ci rappresenti”.
Ora non ci resta che aspettare la risposta di Fedez, che sicuramente non tarderà ad arrivare.