Ritiro alimentare: prodotto di un noto marchio a rischio microbiologico

Uno dei prodotti made in Italy più apprezzato sia a livello nazionale e internazionale è stato ritirato dagli scaffali del supermercato.

pesto ritirato
fonte immagine Pixabay

Si tratta del pesto alla genovese, in particolare di quello fresco e senza aglio, del marchio Pastificio Novella. Un lotto del prodotto è stata ritirato dal maggior distributore, rappresentato da Esselunga, e da altri supermercati rivenditori.

L’accaduto è avvenuto in seguito a un richiamo da parte della catena distributiva perché il prodotto è stato ritenuto “non conforme ai criteri di sicurezza alimentare di cui al Reg. 2073/05”, regolamento che stabilisce i criteri microbiologici per tutti i prodotti alimentari.

Ma quali sono le caratteristiche di questo pesto fresco? Sul sito del Pastificio Novella il prodotto viene descritto come segue: “Il Pesto Genovese è realizzato secondo la ricetta storica di Novella con basilico Genovese D.O.P. è il condimento per eccellenza per le trofie ma può essere abbinato a molti formati di pasta, come gli gnocchi e le trenette avvantaggê. Tutte le ricette escludono additivi ed antiossidanti, questa caratteristica che ci contraddistingue influisce sul tempo di conservazione del prodotto stesso, per questo abbiamo scelto di indicare anche la data di produzione su ogni vasetto.”

pesto
fonte immagine Pixabay

Le direttive da parte del ministero della Salute sul prodotto

Il 15 giugno il ministero della Salute ha emanato un documento in cui indicava la natura delle confezioni di pesto interessate al ritiro dal mercato. I prodotti interessati dal provvedimento sono le porzioni da 130 grammi, con il numero di lotto L171 e con data di scadenza al 19/06/2021.

Il prodotto al quale è stato fatto il richiamo è realizzato dalla Pastificio Novella Sas. Stabilimento che ha sede a Genova in via Caorsi 6, a Sori, con marchio di identificazione dello stabilimento/del produttore: CE IT V7J8P.

In via precauzionale i consumatori entrati in possesso di prodotti appartenenti a questo lotto, sono invitati a riportare la porzione di pesto al punto vendita. Il ministero della Salute ha fortemente raccomandato di non consumare il pesto con la data di scadenza e il numero di lotto indicati.

-> LEGGI ANCHE LA POVERTÀ AL LIVELLO PIÙ ALTO, NEL 2020 BEN 2 MILIONI DI FAMIGLIE POVERE

-> LEGGI ANCHE MEDIASET, VENTATA DI CAMBIAMENTO IN ARRIVO: C’È UN ADDIO CLAMOROSO

Di seguito tutti gli ingredienti che compongono il prodotto: “Basilico Genovese DOP, olio di oliva, Grana Padano DOP, pinoli, sale. Può contenere tracce di noci e mandorle. Senza glutine”.