Riaperture discoteche, l’esperimento a San Marino. Quanti contagi

Riaperture discoteche: a San Marino una discoteca all’aperto ha ospitato 3 mila persone solo tramite green pass. Come è andato l’esperimento.

riaperture discoteche
screenshot You Tube

Sabato 19 giugno è stato condotto un esperimento a San Marino: sono state accolte 2.700 persone all’Area eventi Shooting club, dove si è svolto il primo evento musicale Covid free, “the vibe is on”, con ingresso consentito solamente previa esibizione del green pass.

“L’esperimento di sabato scorso, dimostra che si può riaprire anche in Italia“, ha detto Tito Pinton, organizzatore dell’esperimento.

Sul tema è intervenuto il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia: “Una scelta coraggiosa, ma che dimostra come sia possibile organizzare eventi pubblici in piena sicurezza”.

Intanto sulla riapertura delle discoteche in Italia, Mauro Pasca, presidente del Silb, associazione di categoria dei locali con sale da ballo, fa il suo appello al governo: “Ci aspettiamo di poter riaprire il 4 luglio, perché andare oltre sarebbe insostenibile. Ci aspettiamo buonsenso.”

Riaperture discoteche: i risultati dell’esperimento

riapertura discoteche
screenshot You Tube

“Al momento non mi risultano contagi”, si è espresso Tito Piton, “e nessuno dei miei dipendenti risulta positivo. Se non si riapre sarò costretto a replicare a San Marino, nonostante io abbia tre locali in Italia, dove invece si può ripartire. Ma il problema è politico: ormai siamo considerati degli untori”.

L’esperimento è avvenuto con ingresso consentito solamente dietro esibizione del green pass, quindi mostrando un certificato di avvenuta vaccinazione, di guarigione dal Covid o dell’esito negativo di un tampone negativo eseguito entro le 48 ore precedenti l’ingresso.

Alla serata hanno lavorato circa 250 persone tra baristi, facchini, tecnici e Pr e più di 100 steward che hanno presidiato i check point.

–> LEGGI ANCHE Covid Italia: scoperto focolaio variante Delta

–> LEGGI ANCHE Covid, la variante Delta ha tre versioni: una la più pericolosa

I paganti sono arrivati da molte parti d’Italia e anche dall’estero: alcuni di loro hanno fatto scalo all’aeroporto ‘Marconi’ di Bologna direttamente nella giornata di sabato mentre tanti altri hanno soggiornato nelle strutture ricettive di San Marino e della Riviera.

 

Gestione cookie