Bugo in tribunale contro Morgan, illecita la modifica di “Sincero”

Bugo vince contro Morgan, il tribunale di Milano giudica illecita la modifica del testo di “Sincero”, presentata al festival di Sanremo 2020.

bugo
Bugo e Morgan a Sanremo, screenshot You Tube

La guerra tra Bugo e Morgan, iniziata sul palco dell’Ariston, ha finalmente un vincitore.

Tra i due cantautori, la disputa iniziò quando Morgan cambiò sul palco il testo di “Sincero”, la canzone in gara, creando sgomento e imbarazzo nei presentatori e negli altri cantanti in gara.

Da quel momento, tra Bugo e Morgan ci sono state solo frecciatine e battute velenose, e minacce da portare in tribunale.

Finalmente la guerra sembra conclusa dopo l’udienza secondo la quale il tribunale di Milano ha dato ragione a Bugo, giudicando illecita la modifica del testo della canzone incriminata.

Bugo contro Morgan, la nota ufficiale della Mescal

Secondo il Giudice “la modificazione e deformazione da parte di Morgan del testo letterario dell’opera “Sincero” viola i diritti economici degli editori dell’opera e i diritti morali dei coautori”, fa sapere una nota ufficiale diffusa dalla Mescal, l’etichetta discografica di Bugo.

“Il Tribunale ha infatti ritenuto illecita la modificazione e deformazione da parte di Morgan del testo letterario dell’opera “Sincero” sia nel corso della serata del Festival di Sanremo del 7 febbraio 2020, sia attraverso la diffusione di esecuzioni dell’opera con il testo modificato sul suo profilo social Instagram”, si legge ancora nella nota.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da MescalMusica (@mescalmusica)

Da parte sua, Morgan, su Instagram, ha scritto: “Morgan – vince la causa contro il manager di Bugo”, riferendosi alla denuncia di tentata estorsione e diffamazione intentata da Valerio Soave e per la quale è stata archiviata l’accusa di estorsione mentre resta in essere quella di diffamazione.

–> LEGGI ANCHE “Ti taglio la testa”. Barbara D’Urso terrorizzata dallo stalker

–> LEGGI ANCHE Elisabetta Gregoraci, molta paura per la conduttrice. Salvata da suo figlio

 

Resta poi da affrontare ancora una questione molto importante, per la quale è prevista una udienza a settembre, ovvero la richiesta da parte dagli editori e degli autori di Sincero di 240 mila euro di danni.